Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Stage regionale Calabria a Cinquefrondi 25.04.2021 Il Palasport “Italo Bonini” di Cinquefrondi (Reggio Calabria) ha accolto uno stage regionale giovanile nell'ambito del Progetto Italia.

Il raduno, organizzato dal Comitato Regionale FITeT Calabria, è stato diretto dal referente tecnico regionale Michele D'Amico, che si è avvalso della collaborazione degli sparring Giuseppe De Gaio, Corrado Mastroianni e Paolo Cucci e del preparatore atletico Demetrio Creaco.

I convocati sono stati i seguenti:

TT SPEZZANO ALBANESE

Maria Ferrari, Maria Carriuolo, Daniele Famà, Giovanni Sirimarco e Antonio Scuro.

TT CASTROVILLARI

Ilaria Buonfrate

ATLANTIDE VIBO

Gabriel Pantano

TT CASPER REGGIO CALABRIA

Pasquale Amodeo, Alessandro Vadalà, Arianna Creaco e Chiara Conidi

Tutto il raduno si è svolto nel rigoroso rispetto del protocollo anti Covid-19, curato da Elvira Di Nunzio.

Si è iniziato alle ore 9,30, con una prima fase di riscaldamento generale, cui ha fatto seguito una seconda dedicata a circuiti ed esercizi atletici sotto la guida di Creaco.

Alle 10,30 sono scattati gli allenamenti ai tavoli, con i consueti cesti e schemi vari, con particolare attenzione alla corretta esecuzione dei gesti tecnici.

Dopo la pausa, si è ripresa l’attività alle 14 per la sessione pomeridiana, con circa 30 minuti di preparazione fisica, che ha preceduto servizi e partite a un set, che ha visto i ragazzi scaricare tutta la loro grande voglia di giocare. La chiusura è stata all’insegna degli esercizi di defaticamento.

«Sono molto soddisfatto - spiega il referente D'Amico - per il gran lavoro svolto e per l'impegno profuso dai ragazzi, che hanno dimostrato di gradire molto questi stage. Segno evidente che la strada intrapresa della Federazione è quella giusta e alla fine porterà i risultati che tutto il movimento pongistico si attende».