Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

FITeT Calabria Consiglio Regionale 2021 2024 Nel rigoroso rispetto della normativa anti Covid-19, si è svolta oggi a Reggio Calabria l'Assemblea Regionale Elettiva della FITeT Calabria, per il rinnovo delle cariche per il quadriennio 2021-2024. Graditi ospiti il presidente regionale del CONI Calabria Maurizio Condipodero, il direttore della Scuola Regionale dello Sport Demetrio Albino e il consigliere comunale di Reggio Calabria Demetrio Marino, da sempre vicino al tennistavolo.

In video si sono collegati il presidente della Giunta Regionale del Comitato Paralimpico Antonello Scagliola e, per un saluto e un augurio di buon lavoro, presidente federale Renato Di Napoli, il vicepresidente vicario Carlo Borella e il direttore tecnico Matteo Quarantelli. Il presidente Di Napoli ha espresso grande soddisfazione e compiacimento per l'attività svolta in Calabria.  Il presidente regionale uscente Giuseppe Petralia, componente anche della Giunta CONI, ha aperto i lavori proponendo alla presidenza dell'Assemblea Antonio D'Amico, figura storica del tennistavolo calabrese e più volte in passato Consigliere Nazionale.

Petralia ha letto la relazione finale sull'ultimo quadriennio, compendiata da un video che ha riassunto i suoi otto anni di presidenza, durante i quali la Calabria ha messo in vetrina molti giovani talenti che ormai gravitano nel giro delle varie Nazionali. Dopo un ampio dibattito e qualificati interventi dei rappresentanti delle varie società, si è passati alle votazioni, che hanno espresso, il nuovo Comitato Regionale.

Alla carica di presidente è stato eletto il ternano di nascita, ma calabrese d'adozione, Stefano Sdringola, mentre come consiglieri sono stati votati Antonello Tortorella e Michele D'Amico, Antonio Carnovale e Giuseppe De Gaio (nella foto da sinistra De Gaio, Carnovale, Sdringola, Tortorella e D’Amico).