Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Incontro sul web con le società sportive dellAbruzzo 12 giugno 2020

Sono state le società e le associazioni sportive dell'Abruzzo ad animare l'incontro in videoconferenza di ieri sera.   

I dirigenti di TT Vasto, Teramo Energia New, Poliportiva San Gabriele, San Nicolò 2007, TT Avezzano, Sporting Club L'Aquila, Antoniana Pescara, TT Silvi e TT Guardiagrele sono stati coordinati dal presidente regionale Stefano Comparelli, assistito dai delegati provinciali di Chieti, Michele Ciaffi, e di Teramo, Giancarlo Ippoliti, e dal referente tecnico Paolo Caserta, durante un denso confronto che si è sviluppato con il presidente federale Renato Di Napoli, il segretario generale Giuseppe Marino, il vicepresidente vicario Carlo Borella e il direttore tecnico Matteo Quarantelli.

Il presidente Di Napoli ha osservato che nell'attuale situazione l'Italia sta uscendo cautamente da un periodo drammatico e sta intravedendo un percorso di rientro alla normalità .

La pandemia ha generato numerose difficoltà nel nostro Paese e il mondo sportivo si è trovato di fronte a uno sconcerto diffuso, che ha coinvolto anche il pongismo nazionale.

Il Consiglio Federale FITeT, cogliendo questa significativa incertezza, ha cercato di dare sollievo alle società, fulcro del movimento, garantendo delle risorse che potessero consentire loro di continuare l'attività.

Il presente non è ancora così semplice a fronte di alcune difficoltà e una riguarda la disponibilità delle palestre scolastiche, che sono la sede dell'attività di oltre l'80% delle società che praticano il tennistavolo. Di Napoli, assieme a molti colleghi delle altre Federazioni, ha fatto appello all'intervento dei Ministri dei Dicasteri di Sport, Scuola e Salute e al Presidente e Amministratore Delegato di Sport e Salute, Vito Cozzoli, per arrivare a una soluzione che possa contare su una concertazione a livello governativo.

In quest'ottica sarà certamente utile anche l'impegno che sarà richiesto da tutti i presidenti all'Associazione Nazionale Comuni Italiani, all'Unione Province d'Italia e all'organo di rappresentanza dei dirigenti scolastici. 

Di Napoli ha ricordato l'appuntamento con il seminario in programma lunedì prossimo 15 giugno, alle ore 18, nel corso del quale i dirigenti delle Associazioni potranno interfacciarsi con i Consulenti Fiscale e Legale e il Medico Federale, per trovare risposte ai loro dubbi sulle più pressanti esigenze.

Il protocollo di comportamento per le attività di allenamento sarà rivisto alla luce dell'ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri emesso in data 11 giugno, che prevede degli allentamenti nelle restrizioni riguardanti la pratica sportiva, anche per tutti gli sport di contatto.

Il presidente ha poi pre-annunciato lo svolgimento di corsi di aggiornamento e formazione per Ufficiali di Gara e Tecnici: vi saranno proposte per l’abilitazione alle varie qualifiche, ma anche approfondimenti tematici.  

Verranno costruiti dei percorsi che saranno molto simili a dei normali corsi per i tecnici. Verrà tradotto per via tematica una parte del lavoro che veniva svolto in presenza, per poi realizzare un ultimo modulo di attività in palestra da settembre in avanti.

Saranno utilizzati prevalentemente gli orari serali, che consentano alle persone di collegarsi agevolmente al di fuori degli altri impegni giornalieri. La proposta sarà strutturata in almeno dieci incontri, per avere il tempo per esaminare nel dettaglio tutte le tematiche. A settembre sarà avviata, Regione per Regione, l'attività in presenza.

Parallelamente sarà effettuato un ciclo di dodici seminari, che sarà dedicato a parecchi aspetti di approfondimento, come l'analisi del match o di alcune parti del gioco o alcune fasi dell'allenamento o della preparazione fisica.

Il vicepresidente vicario Borella è entrato nel merito dell'attività agonistica e con riferimento alla prossima stagione ha affermato che il Consiglio Federale del 26 giugno ufficializzerà un cronoprogramma di riavvio, che si aprirà il 1° luglio con l’inizio delle affiliazioni da parte delle società. Sarà poi possibile effettuare una pre-iscrizione ai campionati, che sarà seguita da un'iscrizione definitiva.

Borella ha poi spiegato che, per venire incontro alle squadre che abbiano problemi relativi ai campi di gara, sarà consentito di giocare le gare casalinghe anche nelle province confinanti con la propria Regione, per quanto riguarda i Campionati Nazionali, e in tutta la Regione, per i Campionati Regionali. 

Per consentire alle società di far disputare tutti gli incontri casalinghi ai loro team iscritti a campionati diversi, nell'impossibilità di effettuare partite in contemporanea, sarà permesso un ampliamento degli orari, dal sabato mattina fino alla domenica pomeriggio. L’attività dei Campionati a Squadre Femminili, di serie A2 e B, si svolgeranno, con ogni probabilità, in una confermata dimensione a concentramenti.

Borella ha fornito chiarimenti circa l'intenzione di ridurre al massimo le spese delle trasferte e, qualora non fosse possibile, di aumentare i rimborsi alle società più gravate. Si è poi soffermato su promozioni e ripescaggi.

Con riguardo all'attività giovanile, per ovviare alla perdita della possibilità di partecipare ai Campionati Italiani di quest'anno a causa della pandemia, si sta pensando nella prossima stagione di organizzare una rassegna tricolore suddivisa, come sempre, per settore, e di prevedere anche una manifestazione di singolare che sia ripartita per anno di nascita.

Il direttore tecnico Quarantelli ha inquadrato il progetto Scuole di Tennistavolo, pensato per la valorizzazione delle Associazioni e Società Sportive, che da anni si occupano di promuovere e sviluppare la pratica, con la dedizione e la passione di molti operatori. L'emergenza sanitaria ha ancora di più enfatizzato il valore e l'importanza di questo contributo, perché ha messo al centro dell'attenzione le persone come motori di tutto.

La risposta alla prima fase, che ha riguardato l'accreditamento, è stata molto significativa, dal momento che hanno aderito 176 società, tre delle quali abruzzesi. Si cercherà di utilizzare al meglio il periodo estivo, per costruire dei progetti che siano commisurati a ciascuna realtà, rivolti ai giovani, agli adulti o ai veterani. Il tennistavolo proposto non sarà dunque solo quello della dimensione agonistica più sviluppata, ma anche lo sport inteso come pratica che può soddisfare chi voglia gareggiare senza particolari velleità competitive o chi voglia semplicemente partecipare. 

Per Quarantelli il modello Scuole dovrà avere una importante visibilità e per sostenerlo sarà creato un grande portale che svilupperà la comunicazione e l'immagine di ognuna delle realtà, permettendo a tutti i potenziali utenti di trovare sul territorio quella che risponda meglio alle proprie esigenze.

Si è poi aperto il dibattito e la società presenti hanno confermato che la criticità legata all'utilizzo delle palestre scolastiche è molto sentita.

Il segretario generale Marino ha risposto a domande riferite alle procedure di sanificazione e igienizzazione previste dal protocollo. Ha poi illustrato le caratteristiche della polizza assicurativa, stipulata dalla FITeT nei giorni scorsi con la compagnia Roland, che riguarda la tutela legale, per le responsabilità civile e penale della Federazione e dei presidenti delle società nel caso di contenziosi riferiti non soltanto all'emergenza sanitaria da COVID-19, ma che dovessero sorgere nei confronti delle controparti, come i collaboratori sportivi o i fornitori. Si sta predisponendo una documentazione da mettere a disposizione di tutti, per fornire informazioni sui massimali e sui casi assicurati.

Ulteriormente il presidente Di Napoli ha analizzato, assieme ai presenti, i criteri alla base dell’erogazione dei Premi alle associazioni sportive, analizzando la situazione sia per le modalità di attribuzione delle risorse (che ha coinvolto un elevatissimo numero di sodalizi), sia per l’analisi dei costi vivi sostenuti dalle associazioni per l’organizzazione e gestione dell’attività giovanile, sia nell’occasione competitiva sia nella quotidiana offerta di servizi (impianti, tecnici, sparring,…).

Ha anche anticipato che a partire dal mese di luglio sarà riaperto il Centro Federale di Terni, che sarà la sede degli allenamenti delle Nazionali, ma sarà anche aperto ai Comitati Regionali e alle società, destinatari di iniziative rivolte alla crescita tecnica dei loro ragazzi.

Ha poi evidenziato l’importanza dell'affrancamento dalle palestre scolastiche, attraverso una politica d'investimenti promossa dal Consiglio Federale e assecondata dalle associazioni sul territorio, per arrivare ad avere degli impianti esclusivamente dedicati al tennistavolo. Ha definito questo impegno "la madre di tutte le battaglie", per la quale vale veramente la pena di lottare. 

In chiusura il presidente regionale Comparelli ha ringraziato la Federazione per la sua disponibilità, testimoniata dalle proficue occasioni di confronto offerte alle associazioni e società, e si è augurato che gli incontri possano diventare dei momenti sempre più frequenti di condivisione.