Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Stage giovanile Sardegna marzo 2020Bambini e ragazzi di varie età hanno partecipato allo stage giovanile della FITeT Sardegna, organizzato a Muravera dal referente tecnico regionale Francesca Saiu.

C’era anche il classe 2012 Nicola Cilloco (Tennistavolo Sassari), assieme al compagno di scuderia Simone Demontis, nato nel 2011 come Marco Dessì (Muraverese) e Gioele Puddu (La Saetta Quartu). Non sono mancati il 2009 Luca Broccia (TT Guspini) e i 2007 Emanuele Cuboni (Sporting Lanusei) e Manuel Broccia (TT Guspini).

Prima dell’attivazione muscolare gli atleti si sono dedicati alla seduta con la psicologa dello sport Micaela Cara. Particolare e curata la parte fisica diretta da Marco Pintus, che ha scaldato gli atleti in vista degli esercizi al tavolo, seguiti attentamente non solo da Saiu, ma anche dai suoi fedeli collaboratori/sparring Nicola Pisanu, Alberto Mattana e Michele Buccoli.

Determinante anche la collaborazione dei tecnici Stefano Curcio (Marcozzi) e Sandro Poma (Tennistavolo Sassari) e degli sparring nigeriani dello Sporting Lanusei e del Tennistavolo Sassari.

Parallelamente si è tenuto il raduno diretto dal tecnico nazionale Rossella Scardigno, che ha coinvolto Francesca Seu (Muravera Tennistavolo), azzurrina minicadet, assieme alle altre ragazze che fanno parte del Progetto Italia, Eva Mattana (Muraverese), Laura Alba Pinna (Tennistavolo Sassari) e Rossana Ferciug (Quattro Mori Cagliari).

«Ho visto i protagonisti sereni - spiega Saiu - e con il sorriso sulle labbra. Si sono impegnati nel correggere quegli aspetti che di volta in volta ho segnalato loro, sempre con l’approvazione dei loro allenatori, ai quali ho detto di continuare a lavorare con la stessa intensità, perché c’è molta passione e in futuro potrebbero togliersi molte soddisfazioni».