Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Da domani a domenica si svolgerà a Lasko, in Slovenia, la tredicesima edizione dello Slovenian Open paralimpico. Gli iscritti sono oltre 300, provenienti da 40 nazioni, e fra loro si segnalano i 25 atleti dello squadrone cinese. 

Non solo numeri da record, quindi, ma anche moltissima qualità tecnica nella manifestazione che vedrà la partecipazione dei 7 pongisti azzurri Giada Rossi e Clara Podda (classe 2), Michela Brunelli (classe 3), Andrea Borgato e Federico Falco (classe 1), Raimondo Alecci (classe 6) e Samuel De Chiara (classe 8, nella foto), seguiti dal direttore tecnico paralimpico Alessandro Arcigli e dall'allenatore della squadra nazionale Donato Gallo.

«I pronostici non sono il mio forte - afferma Arcigli - e in più questa sarà una manifestazione difficilissima per tutti i miei atleti. La presenza dei cinesi, non usuale nelle manifestazioni in Europa, renderà ogni gara molto competitiva e salire sul podio sarà una vera e propria impresa. Sono curioso anche di un altro aspetto. Negli ultimi tempi, infatti, stiamo sperimentando dei materiali innovativi, prodotti esclusivamente per noi da Claudio Barbieri, e sarà utilissimo vederli all'opera».

Samuel De Chiara