Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Giada Rossi e Michela Brunelli bronzo a squadre con Donato GalloI Campionati Europei paralimpici di Helsingborg si sono conclusi oggi pomeriggio con le finali delle gare a squadre e in serata con le rispettive premiazioni. In classe 1-3 femminile Michela Brunelli e Giada Rossi (nella foto con il tecnico Donato Gallo) si sono messe al collo le medaglie di bronzo che avevano conquistato ieri.

Erano in dubbio gli altri due metalli e la sfida di vertice odierna non ha riservato sorprese. La Croazia ha ottenuto il quarto titolo continentale consecutivo, battendo per 2-0 la Turchia, che si è dovuta accontentare del terzo argento di fila. Helena Dretar e Andela Muzinic hanno dominato (11-4, 11-6, 11-7) Nergiz Altintas e Hatice Duman e in singolare Muzinic ha posto il sigillo sul successo, con il 3-1 (13-15, 12-10, 11-7, 11-8) su Duman.

Nell'altra sfida la Francia ha superato per 2-0 la Finlandia, mettendo in carniere il quarto posto e relegando al quinto le scandinave. Quasi una formalità le due partite disputate, con il 3-0 (11-6, 11-3, 11-7) in doppio di Fanny Bertrand e Isabelle Lafaye su Anna Victoria Pasanen e Aino Sirri Maaria Tapola e il 3-0 (11-1, 11-5, 11-5) in singolare di Bertrand su Pasanen.

Nell'altra classe che ha visto in campo gli azzurri, la 10 maschile, con Lorenzo Cordua e Amine Kalem eliminati ieri nel girone da Polonia e Gran Bretagna, i polacchi sono arrivati fino in fondo. Hanno prevalso in semifinale per 2-0 sul Montenegro, con il 3-0 (11-8, 11-9, 11-2) di Patryk Chojnowski e Igor Misztal su Filip Radovic e Luka Bakic e il 3-0 (11-1, 11-4, 11-1) di Misztal su Dejan Basanovic, e in finale per 2-1 sulla Francia, con il 3-2 (13-11, 11-7, 12-14, 9-11, 11-7) di Chojnowski e Misztal su Mateo Boheas e Gilles de la Bourdonnaye, il 3-2 (11-8, 9-11, 11-8, 10-12, 11-9) di Boheas su Misztal e il 3-0 (11-4, 11-6, 11-1) di Chojnowski su de la Bourdennaye.

I transalpini nel penultimo turno avevano avuto la meglio per 2-1 sulla Gran Bretagna, passata in vantaggio con il 3-0 (12-10, 11-7, 11-9) di Ashley Facey Thompson e Kim Daybell su Boheas e de la Bourdonnaye e poi raggiunta dal 3-0 (13-11, 11-7, 11-8) di Boheas su Joshua Stacey e sopravanzata dal 3-1 (11-9, 11-7, 7-11, 11-4) di de la Bourdennaye su Daybell.