Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Amine Kalem Campionati Europei 2019

Ai Campionati Europei paralimpici di Helsingborg si stanno completando i match dei gironi di qualificazione dei singolari. Finora si sono guadagnati l'accesso ai tabelloni Michela Brunelli, Matteo Orsi, Matteo Parenzan e Amine Kalem (nella foto).

La veterana veronese ha ribaltato il pronostico e si è imposta per 3-2 (9-11, 11-8, 11-5, 7-11, 11-7) sulla croata Helena Dretar, che la precede in classifica e si era piazzata terza nell'ultima edizione a Lasko. Alle 17,40 se la vedrà nei quarti con la turca Hatice Duman, bronzo continentale individuale e argento a squadre due anni fa.  

Orsi in classe 3 ha battuto per 3-0 (11-8, 14-12, 11-8) il ceco Petr Svatos, che lo aveva superato nel recente Open di Repubblica Ceca, e tornerà in campo negli ottavi alle ore 15,40 contro l'austriaco Manfred Dollmann.

Parenzan era opposto in classe 6 al russo Mars Gabdullin e sul 2-1 (11-4, 11-9, 6-11) è stato bravissimo a fronteggiare un momento di difficoltà. Era in vantaggio per 6-4 e l'avversario ha messo a segno cinque punti consecutivi. Quando il rischio di andare alla "bella" si faceva sempre più concreto, un break di 5-0 ha posto fine alla contesa (11-9). Anche lui alle 17 giocherà gli ottavi, opposto al tedesco Thomas Rau.

In classe 9 Kalem ha prevalso per 3-0 (11-1, 11-2, 11-4) sull'armeno Tigran Petrosyan. Il suo prossimo impegno sarà alle 16,20 negli ottavi sarà durissimo, contro il russo Iurii Nozdrunov.

Non ce l'ha invece fatta Federico Crosara, che in classe 2 ha ceduto per 3-1 (11-6, 9-11, 5-11, 7-11) al polacco Tomasz Jakimczuk, la sua "bestia nera". Dopo i primi due sucessi nel 2010 e nel 2011, quella odierna è stata la sesta sconfitta consecutiva.

Hanno trovato disco rosso anche Federico Falco in classe 1, per 3-2 (11-13, 13-11, 11-6, 7-11, 6-11) contro il russo Dmitry Lavrov, Carlotta Ragazzini in classe 4-5, per 3-0 (8-11, 3-11, 6-11) a opera della britannica Megan Shackleton, e Lorenzo Cordua in classe 10, per 3-0 (6-11, 6-11, 5-11) per mano del montenegrino Filip Radovic.

Ininfluente il 3-0 (11-2, 11-2, 11-4) in classe 1 sull'ungherese Kristof Oszlanczi di Andrea Borgato, che era già eliminato.