Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Giornata calda per i protagonisti della seconda settimana di attività del Campus del Progetto Giovani. E non solo per le condizioni “africane” (per altro ben mitigate dal fresco della climatizzazione del Palatennistavolo) ma anche per il duro impegno che la doppia seduta di attività oggi promuove.
Il nuovo gruppo di 34 ragazzi (equamente distribuiti fra maschi e femmine) si mostra molto ben disposto ben assistito dai 13 tecnici presenti. Rispetto al precedente questo è formato da molti giovani (2002, 2001 in prevalenza) di ridotta esperienza con i quali si cerca di sviluppare i presupposti motori e tecnici di base. Spazio quindi a numerose esercitazioni per la stabilizzazione degli elementi tecnici più semplici: i tecnici hanno creato dei minigruppi di tre/quattro ragazzi per favorire con l’utilizzo del cesto multiballs la migliore continuità possibile.
Di fatto sono proprio continuità e precisione gli elementi che il tecnico ricerca, destrutturando il più possibile, come già precedentemente spiegato, le situazioni e centrando il compito richiesto su aspetti parziali di azioni complesse (l’uso dell’avambraccio e della mano, la presa e ripresa della posizione, la rotazione delle anche, ….ecc.). La scelta del compito è la principale del tecnico in questo frangente: infatti diviene praticamente inutile l’utilizzo di esercitazioni di consueto uso in fase di allenamento con atleti esperti. Il tecnico diviene quindi un mediatore fra l’esigenza di riprodurre un movimento razionale e funzionale e la possibilità di riuscita del soggetto impegnato.

Tale strategia di insegnamento è di fatto utilizzata anche per la pratica delle situazioni motorie.

Vi presentiamo di seguito alcuni degli aspetti sviluppati nel corso della fase di avviamento delle attività.

SITUAZIONE 1
Obiettivo    Attivazione motoria
Descrizione esercitazione    Corsa ritmo controllato – Mobilità articolare
•    Corsa lenta
•    Andature a.i. (passo lat., passo inc., skip basso/medio/alto, corsa calciata, passo saltellato, passo laterale all’indietro)
•    Andature a.s. (circ. dietro/alto/avanti, cir. avanti/alto/dietro, slanci avanti/alto, torsioni busto + slanci per fuori)
Tempo di lavoro    10’
Comportamento atteso    Continuità di corsa – controllo del ritmo di esecuzione degli esercizi
Coordinazione a.s./a.i.
Scioltezza nell’esecuzione


SITUAZIONE 2
Obiettivo    Prevenzione
Rinforzo muscolare
Descrizione esercitazione    Addominali, dorsali, braccia, gambe
•    Rullate sul dorso
•    Proni, slanci a.s. per fuori/alto e fuori dietro
•    Proni, flesso-estensioni a.s. per alto/dietro
•    Proni, slanci a.s. per fuori
•    Piegamenti a.s. in ginocchio
•    Add. parte alta/parte bassa/obliqui alti/obliqui bassi/in decubito laterale
•    Dorsali da proni e in quadrupedia
Tempo di lavoro    10’
Comportamento atteso    Continuità nell’esecuzione degli esercizi – controllo del ritmo di esecuzione degli esercizi
Coordinazione a.s./busto/a.i.
Scioltezza nell’esecuzione
Utilizzazione corretta della respirazione


SITUAZIONE 3
Obiettivo    Attivazione cognitiva
Descrizione esercitazione    Esercizi di reattività con “scaletta”
Situazioni di gioco con la palla:
•    “Passa, chiama, segui”
•    “Chiama, passa e fermati”
•    “Chiama, passa e siediti”
•    Ricevi, siedi e chiama”
•    Passa, ricevi in sospensione e chiama il nome di chi ti passa la palla”
•    Passo “tipo marcia del soldato”
•    “Treccia”
•    “10 passaggi”
•    Combinazioni di saltelli (a piedi pari, monopodalici, “uno dentro uno fuori”, ecc.. .)
Tempo di lavoro    10’
Comportamento atteso    Rispettare le consegne dei giochi con palla
Continuità nell’esecuzione esercizi con scaletta - controllo del ritmo di esecuzione degli esercizi
Coordinazione a.s./busto/a.i.