Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Virtus Servigliano in B1 Federico Antenucci Li Weimin Matteo Cerza Lucio CensoriCinque promozioni in otto anni, partendo dalla serie D2, le ultime tre consecutive. È il ruolino di marcia della Virtus Servigliano, che alla fine di una stagione molto positiva, caratterizzata da 10 vittorie in 11 gare e dalla conquista del Trofeo Antoraf contro San Marino, è salita in B1.

La decisione del Consiglio Federale di sospendere i campionati è avvenuta a tre giornate dal termine, quando i marchigiani guidavano la classifica del girone E di B2, con quattro punti di margine sull’Eureka Roma e sul Circolo Prato 2010.

«Eravamo pronti a festeggiare la promozione sul campo - spiega la dirigenza -  ma l’emergenza da Coronavirus ci ha costretti allo stop. Con il vantaggio che  avevamo e tutti gli scontri diretti a nostro favore nei confronti di Prato e Roma, mancava solo la matematica certezza del salto in B1, un traguardo incredibile per un paese di soli 2.350 abitanti».

Il merito del risultato è dei quattro moschettieri che sono scesi in campo per tenere alto l’onore dei colori giallorossi e sono stati ottimamente assecondati dalla società: il cinese Li Weimin (28 vittorie su 29 incontri), Matteo Cerza (20 su 23), il giovane Federico Antenucci (4 successi) e il capitano Lucio Censori (2). Una galoppata trionfale, frenata solo nella terza giornata dalla sconfitta rimediata a Prato (5-4) dopo una maratona di oltre 4 ore, ampiamente ribaltata al ritorno (5-2 per la Virtus) in un Palasport caldissimo e colorato.

Oltre alla prima squadra, la Virtus Servigliano porta avanti altri due progetti significativi. Il Progetto Rugiada, sostenuto dal Rotary Club Alto Fermano Sibillini e dal Comune di Servigliano, permette agli ospiti del Centro ‘La Rugiada’ di allenarsi in palestra con tecnici qualificati. L’iniziativa “Il tennis tavolo entra in classe”, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, ha consentito a oltre 200 alunni delle scuole di Servigliano e di Amandola di effettuare a scuola corsi di tennis tavolo coordinati da Nicola Falappa, responsabile tecnico FITeT Marche, e Federico Baciocchi, responsabile tecnico FITeT Umbria.

Nella foto da sinistra Federico Antenucci, Li Weimin, Matteo Cerza e Lucio Censori