Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Chen Shuainan in azioneIl neopromosso Tennistavolo Reggio Emilia Ferval ha confermato che sarà al via della prossima serie A1 e ha annunciato di aver raggiunto l'accordo con il cinese Chen Shuainan, proveniente dal Cral Comune di Roma.

«Dopo quasi due decenni - spiega il presidente Paolo Munarini - il massimo campionato italiano torna a Reggio Emilia e questa partecipazione dà ulteriore valore alla scorsa annata in A2, che si è rivelata molto positiva sia per i risultati ottenuti sul campo sia per il clima di unità e fiducia confermato fuori dal rettangolo di gioco. Ci aspetta un'avventura stimolante e, grazie ai nostri sponsor appassionati e attivi, cogliamo questa sfida volentieri e con orgoglio, in un momento storico particolare per tutti e con il desiderio di ripartire con più voglia di fare sport».

Il 22enne Chen ha già disputato tre stagioni in A1, la prima con il Tennistavolo Castel Goffredo, con cui ha raggiunto le semifinali playoff, e le due successive con il Cral Comune di Roma, con i cui colori ha vinto una Supercoppa Italiana contro l'Apuania Carrara e ha giocato, perdendole entrambe a opera della Top Spin Messina, una finale nella stessa manifestazione e una di Coppa Italia.

<In Cina - ricorda il tecnico di Reggio Emilia Liu Wenyu - ero compagno di squadra di sua sorella e l'ho conosciuto prima del suo arrivo in Italia. È un giocatore completo, che in questi anni ha anche maturato una buona esperienza internazionale, e conosce bene la A1. Per noi è un ottimo acquisto».

Il nuovo innesto esprime soddisfazione:<Ringrazio il presidente Munarini per avere creduto in me e avermi voluto nella sua società e sono felice di lavorare con Liu Wenyu, al quale mi lega anche un rapporto di amicizia. Sono convinto che tutti insieme otterremo dei risultati positivi».