Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Joao Monteiro contro Bojan Tokic Non si ferma la Top Spin Messina, tricolore in carica, e nel match casalingo di cartello della quinta giornata di serie A1 maschile cala il pokerissimo di successi di fila, superando per 4-2 la temibilissima Apuania Carrara, sotto la direzione di Giuseppe Vargetto.

A Villa Dante si inizia con il botto e si affrontano le due stelle  João Monteiro e Bojan Tokic (nella foto di Vincenzo Nicita Mauro). Il portoghese all’inizio insegue (2-4), poi cambia marcia e colleziona cinque punti consecutivi, allungando in maniera decisa verso la conquista del set. Il vicecampione europeo a squadre comincia con il piede giusto la seconda frazione, portandosi sul 6-2, ma lo sloveno non molla e accorcia le distanze (9-7). Sul 10-7 Monteiro sfrutta il terzo set-point.

Nel terzo parziale Tokic recupera da 0-2 a 7-2, ma viene rimontato (8-7). Dopo il timeout, aumenta nuovamente il gap a suo favore e fa suo il set. Alla ripresa del gioco l’atleta ospite insiste (4-0) e Monteiro con in filotto di 10-0 sale a sei match-point. Si vede annullare i primi cinque a concretizza l’ultimo.

Fra Sadi Ismailov e Gabriele Piciulin il beniamino di casa ed ex di turno ha uno scatto rabbioso (6-0) e l’azzurro recupera (7-6). Il russo resiste con carattere e ottiene il set. Al ritorno al tavolo ha un avvio travolgente (6-1) e nel prosieguo non gli resta che controllare la situazione. Più equilibrata la terza frazione. Sul 5-5 Ismailov mette a segno lo strappo decisivo e incamera set e incontro.

Sul 2-0 per Messina si incrociano Marco Rech Daldosso e Aliaksandr Khanin. Il bielorusso vola sul 9-2 e il bresciano riesce solo ad accorciare le distanze (6-10), prima di cedere. Nella seconda frazione Khanin dal 4-4 fa filotto di 5-0 e Rech Daldosso gli restituisce la pariglia (9-9) e si procura un set-point, che non sfrutta.  Khanin, invece, sull’11-10 è implacabile. Il pongista della Top Spin cerca la reazione (4-1) ma il bielorusso ribalta il punteggio (6-4), salvo poi essere a sua volta raggiunto (9-9).  Gli ultimi due punti, però, sono i suoi.  

Ismailov e Tokic sono i protagonisti del quarto incontro e lo sloveno mette subito le cose in chiaro (9-4). Sul 10-6 Ismailov cancella due set-point, ma non il terzo. Tokic guida le danze anche nel prosieguo e il russo riesce solo ad avvicinarsi (5-7), per poi subire lo spunto decisivo del rivale. Ismailov comincia meglio il terzo parziale (5-4), ma il portacolori carrarese, con un break di 6-1, chiude i conti e porta l’Apuania sul 2-2.

Tornano in campo Monteiro e Khanin e il lusitano parte in modo perentorio (7-0) e pone le premesse  per incassare l’1-0. Non si ferma ( 5-1) e quando il bielorusso si riporta sotto (8-7), lo ricaccia indietro. Nel terzo set c’è parità fino al 6-6, poi Monteiro fa la differenza.

Il derby azzurro oppone Rech Daldosso a Piciulin e il primo accelera da 4-4 a 10-6 e capitalizza il terzo set-point. Il bresciano non fa sconti nella seconda frazione (6-1) e s’impone senza problemi. Il torinese dimezza le distanze, annettendosi il terzo parziale, e nel quarto è nuovamente Rech Daldosso a dettare il ritmo (6-2) e a regalare ai siciliani del presidente Giorgio Quartuccio e di coach Wang Hong Liang un successo di notevole significato. Per i toscani del tecnico Claudio Volpi arriva una sconfitta che conferma la validità del team e non cambia le prospettive stagionali.

João Monteiro - Bojan Tokic 3-1 (11-6, 11-9, 8-11, 11-9)
Sadi Ismailov - Gabriele Piciulin 3-0 (11-7, 11-5, 11-6)
Marco Rech Daldosso - Aliaksandr Khanin 0-3 (6-11, 10-12, 9-11)
Sadi Ismailov - Bojan Tokic 0-3 (8-11, 6-11, 7-11)
João Monteiro - Aliaksandr Khanin 3-0 (11-3, 11-8, 11-8)
Marco Rech Daldosso  - Gabriele Piciulin 3-1 (11-8, 11-4, 6-11, 11-6)