Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Brunetti Castel Goffredo contro Eppan 2019 2020La campionesse d’Italia della Brunetti Castel Goffredo, guidate dai coach Alfonso Laghezza e Jiang Zilong, si sono imposte per 4-1 sull’Eppan Tischtennis Raiffeisen del tecnico Jason Davide Luini  e hanno ottenuto la quinta vittoria consecutiva in serie A1 femminile, infliggendo alle avversarie la prima sconfitta stagionale e mantenendo il comando solitario della classifica. La sfida è stata disputata al PalaTennistavolo “Elia Mazzi” ed è stata arbitrata da Carmine Vitale.

Le padrone di casa sono andate subito in fuga, con il 3-0 dell’imbattibile Li Xiang su Debora Vivarelli. Nel primo parziale la difesa cinese è scappata sul 10-1 e ha chiuso al secondo set-point. Nel secondo si è portata sul 7-1 e ha sfruttato la prima delle sette palle set che si era procurata. Il terzo parziale pareva avviato sugli stessi binari (9-3), ma l’azzurra ha rimontato fino al 9-7, Sul 7-10 ha annullato i primi due match-point.

Nel secondo singolare si sono affrontate Tatiana Kukulkova e Diana Styhar e la slovacca è stata sempre avanti, concretizzando la seconda chance per andare sull’1-0. Alla ripresa del gioco è salita sul 6-3 e poi ha subìto sei punti dell’ucraina, che non ha perdonato e ha pareggiato la situazione.

Styhar ha insistito (7-3), è stata raggiunta (9-9) e si è aggiudicata gli ultimi due scambi. Da quel momento si è spenta la luce. Nella quarta frazione Kukulkova ha preso il largo (6-1) e ha ampliato il margine, prolungando l’incontro alla “bella”, nella quale ha cambiato campo sul 5-0 e non ha avuto problemi a tagliare il traguardo.

In un confronto fra l’esperienza e la classe della 47enne Tan Wenling e la gioventù e l’entusiasmo della 16enne Evelyn Vivarelli, la pongista locale ha allungato nel primo set (7-1) e nel secondo (8-1) e li ha condotti in porto senza patemi. Nel terzo la teenager ha provato a reagire (4-1), ma è stata sopravanzata (4-5). Tan ha messo a segno lo spunto decisivo (9-5) e ha consegnato alla Brunetti il terzo punto.

Fra Kukulkova e Debora Vivarelli, l’azzurra è scattata in modo travolgente (7-2) ed è stata sopravanzata (7-8). Si è guadagnata un set-point e non ne ha approfittato, la slovacca invece sull’11-10 ha colpito. Nel secondo parziale si è lottato e dal 9-9 Vivarelli si è issata per tre volte al punto di chiusura e l’ultima è stata quella buona.

Nel terzo parziale la castellana è volata sull’8-3 e ha avuto cinque set-point (10-5). Vivarelli li ha cancellati tutti e si è presa la sua opportunità (11-10), anch’essa salvata. La seconda (12-11) le è valsa il parziale.

Kukulkova ha reagito e nella quarta frazione, dopo una battaglia, ha trovato il guizzo per conquistare due palle set (10-8), che non ha capitalizzato. Le è andata meglio con la terza (11-10). L’appianese alla “bella” è partita bene (3-0) e ha cambiato campo avanti di misura (5-4). Sul 6-6 ha stretto i denti (9-6) e non ha più allentato la presa.

Contro Li Xiang Evelyn Vivarelli ha avuto il merito di giocare senza timori reverenziali, esibendo un buon atteggiamento in attacco e alcune risposte convincenti. Nel primo set si è arrivati fino al 4-4, poi la cinese ha preso il sopravvento. Meno equilibrato il secondo parziale (8-3), prima del colpo di coda della ragazzina (8-6), che non ha però evitato la sconfitta. la terza frazione è durata fino al 3-2 per Li Xiang, che nel prosieguo si è staccata, agevolata da qualche errori di troppo della giovanissima rivale.

Li Xiang - Debora Vivarelli 3-0 (11-2, 11-3, 11-9)

Tatiana Kukulkova - Diana Styhar 3-2 (11-8, 8-11, 9-11, 11-4, 11-3)

Tan Wenling - Evelyn Vivarelli 3-0 (11-4, 11-3, 11-8)

Tatiana Kukulkova - Debora Vivarelli 2-3 (12-10, 11-13, 11-13, 12-10, 7-11)

Li Xiang - Evelyn Vivarelli 3-0 (11-6, 11-7, 11-3)