Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Sadi Ismailov alla Top Spin Messina 2019 2020La Top Spin Messina, squadra maschile rivelazione della stagione, non si culla sugli allori e, a poco più di una settimana dalla conquista del primo storico scudetto, che ha permesso di raddoppiare la vittoria ottenuta in Coppa Italia, ha ufficializzato di essersi rinforzata in proiezione della prossima annata agonistica. La società del presidente Giorgio Quartuccio ha infatti annunciato di avere raggiunto l'accordo con Sadi Ismailov, che sarà dunque a disposizione del tecnico Wang Hong Liang.  

L'atleta russo, nato il 4 novembre 1996, è un attaccante mancino e vanta già un’esperienza in Italia, avendo militato nel 2017-18 nella fila dell’Apuania Carrara, con cui si è aggiudicato scudetto e Coppa Italia. In serie A1 ha collezionato 24 vittorie su 25 incontri disputati in regular season e cinque su sette nei playoff, cedendo soltanto per due volte al suo prossimo compagno Marco Rech Daldosso, per una percentuale complessiva di successi pari al 91%. Ismailov, che ha giocato in Polonia nell’ultima stagione, occupa attualmente la posizione numero 193 della classifica mondiale e ha un best ranking al n. 153 a settembre 2018.

«Vogliamo tenere testa - spiega Quartuccio - a squadre come Milano e Carrara, che saranno ancora più forti, e con Sadi sono certo che potremo competere ad armi pari con chiunque. Ismailov è un atleta davvero forte, in continua ascesa. Sono sicuro che si inserirà molto bene nel nostro roster. Frequenta spesso il Centro Federale di Formia ed è molto amico del nostro Antonino Amato. A malincuore dovremo rinunciare a Damiano Seretti, al quale sono davvero grato per la professionalità e la serietà che ha sempre dimostrato nei due anni che ha trascorso con noi. Con i suoi risultati ha dato un prezioso contributo alla causa, in campo e fuori».