Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Brunetti Castel Goffredo vince a Cortemaggiore 2019 2020La seconda finale scudetto femminile ha confermato che fra la Brunetti Castel Goffredo e la Teco Corte Auto Cortemaggiore esiste una differenza non netta, ma incolmabile. Al Palasport di via Brighenti le campionese d'Italia si sono imposte per 4-2, con i due punti della cinese Li Xiang, che sono ormai diventati una legge matematica, e gli altri due di Chiara Colantoni e Tian Jing sulla numero 3 avversaria Arianna Barani. Il 17° scudetto è dunque sempre più vicino e, con tutta probabilità, arriverà in  casa venerdì prossimo.  

Il primo singolare ha messo di fronte le numero 1 Renata Strbikova e Li Xiang, che quest'anno si erano incrociate  solo nella Supercoppa Italiana, con il successo della cinese per 3-0. In questa occasione la ceca, in una situazione di equilibrio, è stata brava a riportarsi in vantaggio ogni volta che è stata raggiunta e dall'8-8  è salita a due set-point (10-8) e ha chiuso al primo. Li Xiang nel secondo parziale ha condotto fin dall'inizio (3-1) e, dopo aver subito il tentativo di riaggancio dell'avversaria dal 6-3 al 6-5,si è issata a quattro palle set (10-6) e ha concretizzato la terza.

La terza frazione ha avuto lo stesso andamento (6-2) a favore dell'asiatica (6-2), che ha sempre conservato un margine rassicurante. Strbikova nella quarta ha avuto una ottima reazione (7-3), è si è procurata cinque set-point (10-5), che le sono stati annullati. Ha salvato un match-point della cinese (11-10) e non ha sfruttato la sua seconda opportunità (12-11). Le è andata meglio con la terza (13-12). Alla "bella" si è lottato e al cambio di campo era avanti (5-4) Li Xiang, che ha saputo allungare (7-4) e non è stata più ripresa. Per Strbikova la magra consolazione di essere stata la seconda, dopo la bielorussa Aleksandra Privalova, ad aver vinto due set contro la cinese nei due anni della sua permanenza in Italia.   

Si sono poi sfidate Arianna Barani e Chiara Colantoni e si è proceduto punto a punto (6-6). La romana ha preso il doppio vantaggio (8-6) ed è stata riagguantata (8-8), è riscattata a due set-point (10-8) e la 16enne magiostrina le ha annullato solo il primo. È stata però lei a partire meglio nel secondo parziale (2-0) e Colantoni ha recuperato (2-2), si è riguadagnata il +2 (4-2) ed è stata di nuovo raggiunta (7-7). Sul 10-8 non ha concretizzato due opportunità per chiudere e Colantoni l'ha punita. L'andamento della terza frazione ha confermato l'equilibrio (9-9), poi Barani ha avuto un altro set-point e la fine è stata la stessa del parziale precedente.

Anche il primo set fra Ganna Farladanska e Le Thi Hong Loan, che rispetto a gara-1 ha sostituito Tian Jing, è stato sul filo del rasoio (6-6) e la castellana ha operato il break nel momento giusto (9-6), concludendo al primo set-point. Dopo il cambio di campo, l'ucraina ha recuperato dal 2-4 al 5-4 e dal 6-6 si è issata a 9-6. La rimonta di Loan si è fermata sul 9-8.

Farladanska ha insistito (4-2), è stata ripresa (4-4) ha riassunto il controllo (7-5) e ha patito un break di 4-0, riprendendosi la parità (9-9). Gli ultimi due punti sono stati della mantovana, che è ripartita lanciata nel quarto set (4-2) e ha subito tre punti consecutivi (4-5). Farladanska ha allungato (9-6), Loan le è tornata addosso (9-9), ma i due scambi conclusivi hanno rinviato la decisione alla "bella", nella quale l'ucraina ha dominato, dimezzando le distanze.

Strbikova è scattata a cannone contro Colantoni (8-3) e l'azzurra ha rimontato (8-8). La ceca si è procurata un set-point (10-9), non sfruttato, mentre il secondo (11-10) le ha dato ragione. Nel secondo parziale è risalita da 1-3 a 7-3 e sul 10-5 non ha faticato a chiudere i conti. Colantoni nel terzo set è stata inarrestabile (9-4) e ha riaperto le prospettive della sfida. Anche il quarto l'ha vista lottare con caparbietà (7-7) e annullare due match-point (8-10), per cedere al terzo (10-11).

Li Xiang, che in gara-1 era stata impegnata da Farladanska, oggi è stata letteralmente travolgente nei primi due set, ha perso il terzo, dopo essere stata rimontata e sopravanzata (da 4-1 a 5-7) dalla rivale, averle neutralizzato due palle set (9-10 e 10-11) e non avere concretizzato un match-point (12-11), e nel quarto ha controllato la situazione.

L'ultimo atto è stato lo stesso di due settimane fa, perché Alfonso Laghezza ha fatto entrare Tian Jing al posto di Loan. L'italo-cinese, che in quella occasione per imporsi era stata costretta ad annullare sei match-point a Barani, questa sera è stata molto più convincente e ha prevalso in tre set, dando alle ospiti, dopo oltre tre ore e mezza, una vittoria che profuma di tricolore.

Renata Strbikova - Li Xiang 2-3 (11-8, 8-11, 5-11, 14-12, 7-11 )

Arianna Barani - Chiara Colantoni 0-3 (9-11, 10-12, 10-12)

Ganna Farladanska - Le Thi Hong Loan 3-2 (7-11, 11-8, 9-11, 11-9, 11-5)

Renata Strbikova- Chiara Colantoni 3-1 (12-10, 11-6, 5-11, 12-10)

Ganna Farladanska - Li Xiang 1-3 (4-11, 6-11, 14-12, 6-11)

Arianna Barani - Tian Jing 0-3 (9-11, 5-11, 9-11)