Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Crai Comune di Roma vincitore della Supercoppa Italiana 2018Al termine di una sfida all’insegna dell’equilibrio il Cral Comune di Roma, guidato in panchina da Pietro Coppola (nella foto il team con il presidente federale Renato di Napoli), ha sconfitto per 3-2 l’Apuania Carrara del tecnico Claudio Volpi e del capitano Alessandro Merciadri (nella foto sotto gli atleti e il neopresidente Guglielmo Bellotti) e ha vinto la Supercoppa Italiana, aggiudicandosi anche il primo trofeo della sua storia. Lo svolgimento del confronto è stato l’esatto opposto di quanto avvenuto lo scorso anno nella finale di Coppa Italia. Allora i toscani si erano portati sul 2-0, erano stati raggiunti dagli avversari sul 2-2 e si erano imposti nel singolare conclusivo.

Questa volta sono stati i ragazzi della presidente Alessandra Davide ad andare in vantaggio. La novità è stata la disputa del doppio in apertura e Nicola Di Fiore e Federico Pavan hanno prevalso per 3-2 su Romualdo Manna e sullo sloveno Jan Zibrat. Agevoli i primi due set per il pisano e il trevigiano (11-6, 11-7), poi Zibrat è salito di livello e i padroni di casa hanno rimontato (11-6, 11-3). Alla “bella” ha dominato il Cral, chiudendo sull’11-3.

Apuania Carrara seconda classificata Supercoppa Italiana 2018 Nel primo singolare Chen Shuainan ha messo in carniere il primo set per 11-9 e Aliaksandr Khanin il secondo per 11-7. Decisivo il terzo parziale, in cui il cinese ha avuto tre set-point e il bielorusso uno, tutti annullati. Alla sua quarta chance Chen ha avuto la meglio per 15-13. Nella quarta frazione ha sempre condotto e ha tagliato il traguardo sull’11-7. Laziali avanti, dunque, per 2-0.

Fra Zibrat e Pavan, lo sloveno non ha avuto problemi nei primi due set (11-3- 11-5) e nel terzo ha dovuto cedere al bel ritorno del suo avversario (8-11). Nel quarto il veneto ha avuto il merito di continuare a lottare e di recuperare da 4-9 a 8-9. Sull’8-10 ha neutralizzato il primo match-point, non il secondo.   

Dopo aver dimezzato le distanze, l’Apuania ha pareggiato i conti grazie a Khanin, che ha regolato per 3-0 (11-5, 11-8, 11-7) Paolo Bisi. Solo nel terzo set il modenese è riuscito a tener testa al rivale fino all’8-7.

Sul 2-2 sono andati in campo Manna e Chen e il cinesino ha fatto suoi due parziali tirati, entrambi per 11-9. Nel terzo il molisano ha invertito la tendenza (11-7), ma nel quarto l’asiatico ha ripreso a macinare gioco e ha terminato a braccia alzate (11-3).

Prima dell’inizio della gara il coach capitolino Coppola aveva letto una lettera in cui l’assessore allo Sport del Comune di Roma, Daniele Frongia, si complimentava per la presenza del Cral in Supercoppa e formulava i migliori “in bocca al lupo” per l’esito della partita. Non si può proprio dire che non siano andati a buon fine.