Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Darko Jorgic nei quarti di finale alle Olimpiadi di TokyoIl giorno dopo l’estasi, per il trionfo nel doppio misto di Jun Mizutani e Mima Ito, mai avrebbero immaginato di dover digerire la delusione più cocente. A poche ore dal primo storico oro olimpico, i giapponesi hanno invece dovuto fare i conti con la precoce eliminazione negli ottavi del singolare del loro idolo Tomokazu Harimoto, testa di serie numero 3.

A riuscire nell’impresa clamorosa è stato lo sloveno Darko Jorgic (n. 18, nella foto di Rémy Gros), che si è imposto per 4-3 (10-12, 11-9, 11-3, 10-12, 8-11, 11-7, 11-7). Negli altri match del quartultimo turno sono usciti anche l’otto volte campione europeo Timo Boll (n. 8), per 4-1 (8-11, 11-7, 7-11, 9-11, 4-11) per mano del coreano Jeoung Youngsik (n. 10), e il taipeano Chuang Chih Yuan (n. 19), per 4-3 (8-11, 11-6, 8-11, 11-7, 9-11, 11-5, 7-11) a opera dell’egiziano Omar Assar (n. 28), che nei sedicesimi aveva già superato a sorpresa per 4-3 (11-5, 6-11, 8-11, 13-11, 4-11, 11-6, 11-8) lo svedese Mattias Karlsson (n. 6), vicecampione mondiale in carica.

Secondo pronostico le vittorie dei cinesi Fan Zhendong (n. 1), per 4-1 (11-6, 11-6, 11-2, 5-11, 11-3) sul portoghese Marcos Freitas (n. 16), e Ma Long (n. 2), per 4-1 (11-6, 9-11, 11-4, 11-7, 11-5) sul francese Simon Gauzy (n. 14), del brasiliano Hugo Calderano (n. 4), per 4-3 (11-7, 9-11, 6-11, 11-9, 4-11, 11-5, 11-6) sul coreano Jang Woojin (n. 9), del taipeano Lin Yun-Ju (n. 5), per 4-2 (11-5, 11-7, 11-2, 9-11, 9-11, 13-11) sul brasiliano Gustavo Tsuboi (n. 25), e del tedesco Dimitrij Ovycharov (n. 7), per 4-0 (11-4, 7-11, 11-0, 11-7, 11-9) sul giapponese Koki Niwa (n. 12).

Fra le donne l’acuto è arrivato dall’unica europea rimasta in gara, la tedesca (peraltro di origini cinesi) Han Ying (n. 12 del seeding), che ha prevalso per 4-1 (13-11, 11-7, 11-9, 8-11, 11-8) sulla singaporeana Feng Tianwei (n. 6). Hanno rispettato le gerarchie i successi delle cinesi Chen Meng (n. 1), per 4-1 (11-7, 11-6, 11-9, 9-11, 11-5) sulla canadese Zhang Mo (n. 21), e Sun Yingsha (n. 2), per 4-0 (11-6, 14-12, 11-3, 12-10) sulla taipeana Chen Szu-Yu (n. 13), delle nipponiche Mima Ito (n. 3), per 4-0 (11-7, 11-6, 11-9, 11-7) sulla thailandese Suthasini Sawettabut (n. 22), e Kasumi Ishikawa (n. 5), per 4-0 (11-8, 11-8, 12-10, 11-9) sull’austriaca Sofia Polcanova (n. 10), della coreana Jeon Jihee (n. 7), per 4-1 (11-1, 10-12, 11-3, 11-3, 11-4) sull’austriaca Liu Jia, (n. 55), dell’hongkonghese Doo Hoi Kem (n. 8), per 4-1 (11-13, 11-5, 11-8, 11-9, 11-8) sull’olandese Britt Eerland (n. 16), e della singaporeana Yu Mengyu (n. 26), già giustiziera nei sedicesimi per 4-0 (11-5, 11-9, 12-10, 11-6) della taipeana Cheng I-Ching (n. 4), per 4-2 (11-9, 11-9, 11-9, 8-11, 6-11, 11-8) sulla statunitense Liu Yuan (n. 68).

Domani nei quarti di finale si affronteranno alle ore 3 italiane Ishikawa e Yu Mengyu, alle 4 Fan Zhendong e Jeoung Youngsik, alle 5 Chen Meng e Doo Hoi Kem, alle 8 Ito e Jeon Jihee, alle 9 Lin Yun-Ju e Jorgic, alle 10 Han Ying e Sun Yingsha, alle 13 Assar e Ma Long e alle 14 Calderano e Ovtcharov.