Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Campionati Europei Veterani 2022 presentazione candidaturaSono giorni di grandi soddisfazioni per la Federazione Italiana Tennistavolo. Dopo la qualificazione di Debora Vivarelli alle Olimpiadi di Tokyo, la European Table Tennis Union ha comunicato di avere assegnato all'Italia l'organizzazione dei Campionati Europei Veterani del 2022, che saranno ospitati alla Fiera di Rimini dal 25 giugno al 2 luglio.

Sarà la seconda edizione della manifestazione che si svolgerà nel nostro Paese, dopo quella del 2003 disputata a Courmayeur. La presentazione del progetto da parte della squadra della FITeT è avvenuto on line sulla piattaforma Zoom, di fronte al Board della ETTU e alla Commissione Veterani, e ha riscosso un grande successo. I vertici europei hanno infatti privilegiato con convinzione la proposta tricolore all'altra candidatura della Danimarca, che aveva scelto la città di Aalborg.

I Campionati Europei Veterani in casa sono una grande notizia per il movimento italiano degli Over 40, che ha sempre partecipato con enorme entusiasmo alle rassegne continentali e a quelle mondiali in programma all'estero, facendo gruppo e dimostrando la sua notevole unione, e che il prossimo anno avrà la possibilità di riversarsi a Rimini, per godersi un'indimenticabile esperienza.

Alla Fiera di Rimini sono attesi 3.500 atleti, che, nella speranza che l'emergenza sanitaria abbia allentato la sua morsa, potranno essere accompagnati dalle loro famiglie. Sarà insomma una magica festa internazionale all'insegna del tennistavolo.

«A nome del Consiglio Federale - commenta il presidente Renato Di Napoli - ho accolto con euforia l'assegnazione alla FITeT degli Europei Veterani, che costituisce una nuova conferma della credibilità che l'Italia ha agli occhi dei vertici pongistici del nostro continente. Siamo considerati una controparte che merita fiducia, per le nostre capacità organizzative e professionali, come ci è già stato dimostrato in occasione dell'inserimento dei nostri candidati all'interno delle Commissioni ETTU, e questi riconoscimenti sono musica per le orecchie di un dirigente, che, come me, s'impegna da decenni al servizio del tennistavolo. A Rimini faremo il possibile per organizzare un'edizione degli Europei Veterani che rimanga nella memoria di tutti coloro che avranno la fortuna di esserci»