2020 Assemblea 01 minibanner

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Mondiali del 2023 a Durban in Sud AfricaLe finali dei Campionati Mondiali del 2023 si terranno a Durban, in Sud Africa. Lo ha deciso la votazione che è stata effettuata dalle Associazioni dei Paesi membri durante l'Assemblea Generale Annuale dell'International Table Tennis Federation, che si sè svolta ieri in videoconferenza.

Per la prima storica volta l'evento più prestigioso dell'ITTF si terrà in Sud Africa e per la seconda nel continente africano, dopo l'edizione del Cairo, in Egitto, nel 1939.
Si giocherà con il nuovo format che entrerà in vigore nel 2021, con le qualificazioni continentali che precederanno le finali.

Durban ha ottenuto 90 voti (69,77%) e ha battuto la concorrenza di Düsseldorf, in Germania, che ha totalizzato 39 voti (30,23%). La città tedesca puntava al bis ravvicinato, dopo il grande successo ottenuto nel 2017.
«Congratulazioni sia al Sud Africa sia alla Germania - ha affermato Khalil Al-Mohannadi, vicepresidente di ITTF, - per aver presentato candidature molto forti per la manifestazione. Continuiamo a vedere i benefici delle imminenti modifiche al format delle finali dei Campionati Mondiali, che saranno introdotte a partire dal prossimo anno, portando più Paesi a offrirsi per l'organizzazione da diverse Regioni del mondo. Ciò riflette anche il crescente richiamo internazionale del tennistavolo, che è estremamente piacevole da vedere, mentre continuiamo a lavorare sodo per rendere lo sport più globale in futuro».

Grande soddisfazione è stata espressa da Joe Carrim, presidente del South African Table Tennis Board (SATTB):«Le notti insonni e tutto il duro lavoro sono stati ripagati. Voglio ringraziare il mondo del tennistavolo e l'ITTF per averci accordato la fiducia con la squadra che abbiamo, la città che abbiamo e il sostegno del governo che abbiamo per ospitare questo evento. Siamo certi che renderemo tutti coloro che ci hanno supportato estremamente orgogliosi di aver riposto la loro fiducia in noi per portare avanti il ​​testimone e ospitare un grande Campionato.»

Si sono collegati da Doha, in Qatar, il vicepresidente di ITTF Khalil Al-Mohannadi, il vicepresidente esecutivo delle finanze di ITTF Petra Sörling, il CEO di ITTF Steve Dainton, il segretario generale di ITTF Raul Calin, il direttore finanziario di ITTF Michael Brown e il direttore delle relazioni con i membri di ITTF Mounir Bessah.
Il presidente di ITTF Thomas Weikert non è stato in grado di recarsi a Doha, essendo in quarantena dopo essere entrato in stretto contatto con un paziente positivo al COVID-19 la scorsa settimana. Il suo test di controllo ha dato esito negativo.

L'Assemblea Generale Annuale ha visto importanti riforme alla costituzione ITTF, con la creazione di un tribunale ITTF, che assume i poteri giudiziari precedentemente appartenenti al comitato esecutivo ITTF, e un'unità di integrità ITTF. Entrambe le riforme rappresenteranno un altro passo importante verso il miglioramento della governance dell'ITTF.

L'ITTF ha votato a favore dello svolgimento di un'Assemblea Generale Straordinaria in concomitanza con i Campionati Mondiali a squadre di Busan, in Repubblica di Corea, che sono stati riprogrammati fra il 22 febbraio e il 1 marzo 2021, dopo il rinvio di quest'anno dovuto alla pandemia da COVID-19.
La prossima Assemblea Generale Annuale si svolgerà invece verso la fine del 2021 e sarà un'opportunità per fare un bilancio dell'anno intenso, con l'introduzione degli eventi del World Table Tennis e le Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo durante l'estate.