2020 Assemblea 01 minibanner

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Joze Urh allena le cadette azzurreIn occasione del Congresso, nel corso del quale sono state rinnovate le cariche elettive, la European Table Tennis Union ha comunicato i quattro nomi dei premiati con il Badge of Honour 2020.

Fra loro c'è anche lo sloveno Joze Urh, responsabile dal 2019 delle cadette azzurre.

Nel corso della sua lunga carriera il 59enne di Trbovlje è stato un ottimo atleta, vincendo più di 20 titoli nazionali di singolare, doppio, doppio misto e a squadre, partecipando a Mondiali ed Europei e giocando da professionista anche in Svizzera, Italia, nel TTC Parma, e Austria.

Dal 1989 al 2001 ha svolto l'attività di allenatore di club in Italia, per poi rientrare in patria per guidare dal 2001 al 2007 il Centro Federale maschile e femminile ed essere l'head coach della squadra maschile.

Dal 2007 al 2012 è tornato in Italia per seguire i cadet e Minicadet azzurri e si è occupato del programma di formazione dei tecnici.

Dal 2012 al 2017 è stato il responsabile del Centro Federale sloveno e della nazionale giovanile, contribuendo alla crescita di atleti come Darko Jorgic (attuale n. 34 al mondo) e Deni Kozul, che ha portato all’esordio in Nazionale assoluta. Nel 2017, agli Europei a squadre in Lussemburgo, è stato protagonista in panchina della conquista  di una storica medaglia di bronzo da parte della Slovenia.

Oltreché a Urh, i Badge of Honour sono stati assegnati anche a sua moglie Andreja Ojstersek, al lituano Vincas Franckaitis e al polacco Zbigniew Necek.