Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Harmeet Desai vince Challenge Indonesia Open 2019I pronostici sono stati tutto sommato rispettati al Challenge Indonesia Open, con i successi del 26enne indiano Harmeet Desai (nella foto di An Sungho), testa di serie numero 3, e della 25enne portoghese Jieni Shao (nella foto degli organizzatori), n. 2.

A Batam l'asiatico, vincitore quest'anno ai Commonwealth Championships di Cuttack, precedentemente aveva come migliori risultati in un Challenge la semifinale in Croazia nel 2017 e il quarto di finale raggiunto in Bielorussia nel 2018. Questa volta si è superato, battendo per 4-2 (11-5, 16-18, 4-11, 11-9, 11-5, 11-8) in semifinale l'hongkonghese Lam Siu Hang, n. 5, che nei quarti aveva eliminato per 4-1 (11-7, 11-3, 11-13, 11-8, 11-8) il belga Florent Lambiet, capofila del tabellone, e in finale per 4-2 (11-9, 9-11, 11-9, 11-9, 10-12, 11-8) il connazionale Amalraj Anthony, n. 6.

Quest'ultimo aveva ribaltato le gerarchie nei quarti, per 4-0 (11-7, 16-14, 11-2, 11-7) ai danni del portoghese João Monteiro, n. 2,  e in semifinale aveva prevalso per 4-0 (11-4, 11-7, 11-8, 11-3) sul senegalese Ibrahima Diaw, n. 7.

Jieni Shao vince Challenge Indonesia Open 2019Jieni Shao, fresca vicecampionessa europea a squadre e con all'attivo la partecipazione alle Olimpiadi di Rio 2016, ha conquistato il terzo successo in un torneo internazionale, dopo quelli nel World Tour di Nigeria del 2015 e del 2016. In semifinale ha estromesso per 4-2 (5-11, 11-8, 7-11, 11-8, 11-8, 11-3) la giapponese Maki Shiomi, n. 3, e nell'atto conclusivo ha avuto la meglio per 4-3 (6-11, 12-10, 9-11, 11-6, 11-5, 11-13, 11-2) sulla thailandese Suthasini Sawettabut, n. 1, che nel turno precedente aveva fermato per 4-2 (11-4, 9-11, 11-8, 11-8, 9-11, 11-7) la qualificata nipponica Kaho Akae.

Nel doppio maschile hanno festeggiato il già citato senegalese Diaw e il thailandese Padasak Tanviriyavechakul, che nei preliminary round avevano avuto il bye. Hanno piegato in semifinale  alla "bella" (11-7, 12-10, 5-11, 11-13, 11-9) i singaporeani Clarence Chew Zhe Yu ed Ethan Poh Shao Feng, numeri 5, e in finale per 3-0 (11-7, 11-8, 12-10) gli hongkonghesi Kwan Man Ho e Lam Siu Hang, n. 2, giustizieri per 3-0 (11-7, 11-9, 11-9) dei due finalisti del singolare, Anthony e Desai, n. 3.

Nel femminile Jieni Shao si è ripetuta e con la sua connazionale Luo Xue, n. 5, ha sorpreso in finale per 3-2 (11-6, 5-11, 11-4, 6-11, 11-5) le numero 1 thailandesi Orawan Paranang e Suthasini Sawettabut. Le vincitrici avevano dovuto ricorrere al quinto set (10-12, 9-11, 13-11, 12-10, 11-9) anche in semifinale, per avere ragione delle nipponiche Kaho Akae e Miyu Maeda, mentre le finaliste si erano aggiudicate per 3-0 (11-7, 11-5, 11-4) il derby nazionale contro Nanthana Komwong e Jinnipa Sawettabut.

Le gare per Under 21 hanno sorriso al Giappone. Hanno sollevato il trofeo Yuma Tanigaki, che ha regolato per 3-0 (11-9, 11-9, 11-2) il taipeano Tai Ming-Wei (terzi il taipeano Huang Yan-Cheng e il giapponese Jo Yokotani) e Moe Nomura, che si è affermata per 3-1 (11-5, 12-10, 6-11, 12-10) sulla connazionale Maki Shiomi (out in semifinale le coreane Kang Dayeon e Kang Gayun).