Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Lin Yun Ju allOpen di Repubblica Ceca 2019Domani all’Ittf World Tour Czech Open la semifinale della parte alta del tabellone maschile sarà fra due atleti che potrebbero essere padre e figlio. Alle ore 10 si affronteranno infatti il 38enne tedesco Timo Boll, testa di serie numero 3, e il 18enne taipeano Lin Yun-Ju (nella foto), n. 9.

Il sette volte campione d’Europa era stato costretto a una pausa per infortunio, dopo essersi aggiudicato gli European Games a Minsk, e al rientro non ha deluso. Oggi nei quarti ha dato l’ennesima dimostrazione di avere un carattere indomabile e ha rimontato da 1-3 a 4-3 (6-11, 9-11, 15-13, 12-14, 11-9, 12-10, 11-8) il coreano Lee Sangsu, n. 7.

Il teenager asiatico, che al T2 Diamond di Johor Bahru ha dato addirittura scacco matto ai cinesi, è stato anche bravo a sfruttare il corridoio lasciato libero dall’eliminazione nei sedicesimi del giapponese Tomokazu Harimoto, capofila del seeding, e ha superato per 4-0 (11-1, 11-9, 11-7, 11-7) il qualificato nipponico Yuki Hirano.

L’altra sfida alle 10,45 sarà fra il brasiliano Hugo Calderano, n. 2, che ha prevalso per 4-1 (11-9, 11-6, 6-11, 11-1, 11-4) sul russo Alexander Shibaev, proveniente dai preliminary round, e il tedesco Dimitrij Ovtcharov, n. 4, che si è imposto per 4-0 (11-6, 13-11, 11-7, 12-10) sul connazionale Patrick Franziska, n. 10.

In campo femminile, la giapponese Kasumi Ishikawa, n. 1, si è presa la rivincita della sconfitta patita la scorsa settimana in Bulgaria e ha regolato per 4-1 (11-9, 11-6, 11-6, 7-11, 11-9) la cinese He Zhuojia, n. 6. Domani alle 11,30 nel penultimo turno affronterà l’altra nipponica Miu Hirano, n. 3, che ha recuperato da 0-3 e 4-3 (8-11, 7-11, 10-12, 11-8, 11-8, 11-8, 11-4) contro la 19enne cinese Liu Weishan, autentica rivelazione della manifestazione, essendo la n. 255 del ranking mondiale.

L’altra gara alle 12,15 opporrà la qualificata cinese Feng Yalan, che ha fermato per 4-2 (11-9, 9-11, 11-6, 8-11, 11-7, 13-11) la coreana Jeon Jihee, n. 9, alla sua connazionale Chen Xingtong, n. 11, che ha dominato per 4-0 (11-7, 11-5, 11-7, 11-8) l’austriaca Sofia Polcanova, n. 10.  

Sono stati intanto assegnati i titoli dei doppi. Nel misto, in un derby fra  qualificati, i coreani Cho Daeseong e Shin Yubin, che hanno 16 e 14 anni, hanno sorpreso per 3-2 (6-11, 15-134, 12-10, 16-18, 12-10) i giapponesi Jun Mizutani e Mima Ito, freschi di successo a Panagyurishte.

Nel maschile Cho Daeseong ha concesso il bis con Lee Sangsu, per 3-1 (11-4, 11-8, 7-11, 11-6) sui taipeani Liao Cheng-Ting e Lin Yun-Ju.

Nel femminile si è ripetuto il risultato della finale andata in scena in Bulgaria, con le cinesi Gu Yuting e Mu Zi brave a battere per 3-1 (9-11, 11-7, 11-6, 11-6) le giapponesi Miu Hirano e Saki Shibata.