Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Tomokazu Harimoto vince lOpen di Bulgaria 2019All’Ittf World Tour Asarel Bulgaria Open i titoli dei singolari hanno premiato in campo maschile l’atleta favorito e nel femminile una delle outsider. Il 16enne giapponese Tomokazu Harimoto (nella foto di Chris Petkov), testa di serie numero 1, ha rispettato il pronostico, ma ha faticato non poco per avere ragione per 4-2 (11-6, 12-14, 11-5, 13-11, 13-15, 11-4) del 22enne cinese Zhao Zihao, che aveva iniziato il torneo dalle qualificazioni.

C’erano 105 posizioni di differenza, essendo Wonder Boy il n. 5 al mondo e il suo avversario il n. 110, e il grande merito di Zhao è stato di aver lottato per lunghi tratti alla pari.  Il ranking ovviamente non rispecchia il suo valore e se il rendimento che sarà in grado di offrire nel prossimo futuro rimarrà su questi livelli assisteremo molto probabilmente a una rapida scalata verso il vertice.

La finale è stata un concentrato di scambi ad altissima velocità. Harimoto si è aggiudicato nettamente il primo parziale e nel secondo ha recuperato da 3-6 ed è salito fino a 9-7, dove però si è fermato. Zhao ha messo a segno tre punti consecutivi e si è procurato un set-point, che gli è stato annullato, come anche i due successivi. Il quarto in totale gli ha consegnato il successo.

Il 6-0 in avvio di terza frazione ha agevolato il compito del giovanissimo giapponese, che non ha faticato a riportarsi in vantaggio. Nel quarto set Zhao è andato in fuga (6-2) e un break di 7-0 ha ribaltato la situazione a favore del nipponico, che ha avuto due palle per chiudere (10-8). Non le ha sfruttate, poi ha cancellato una chance del rivale e ha chiuso alla sua terza opportunità.

Nel quinto parziale ha dominato l’equilibrio e Harimoto non ha capitalizzato due match-point (10-9 e 13-12). Zhao lo ha imitato sui primi due set-point (11-10 e 12-11) e sul terzo (14-13) non ha perdonato. Giochi riaperti? Soltanto il tempo dell’intervallo che ha preceduto la sesta frazione, nella quale Tomokazu è volato 6-1 e non si è più fatto riprendere, cogliendo la sua terza vittoria in cinque finali del World Tour, dopo quelle in Repubblica Ceca nel 2017 e in Giappone nel 2018. Le sconfitte sono arrivate in India due stagioni fa e a Hong Kong quest’anno. Al suo attivo c’è naturalmente anche il trionfale esito delle Grand Finals dell’anno passato. Zhao era al suo primo atto conclusivo in carriera, dopo essersi aggiudicato il Challenge Belarus Open nel 2018.

Cheng Xingtong vince lOpen di Bulgaria 2019Fra le donne il derby cinese ha sorriso alla 22enne Chen Xingtong (nella foto di Chris Petkov), n. 11 del seeding, che ha prevalso per 4-1 (11-4, 7-11, 12-10, 11-6, 11-4) sulla 20enne He Zhuojia, n. 5. Dopo che le due contendenti si erano spartite i primi due set, la fase cruciale della sfida è stata con tutta probabilità nel terzo, in cui Chen si è portata sull’8-3 ed He l’ha rimontata fino al 10-10, non riuscendo però a mettere a segno il colpo di reni determinante.

Ha avuto la meglio la più esperta delle due, che ha centrato il quarto titolo, dopo quelli del 2017 in Ungheria e in Svezia e del 2018 a Hong Kong. He Zhuojia era alla sua terza presenza in finale, dopo aver perso nel 2014 in Argentina e nel 2015 a Pyongyang. Alla lista va aggiunta anche la battuta d’arresto nel match decisivo delle Grand Finals del 2018 contro Chen Meng.