Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

He Zhuojia in azioneLe semifinali femminili dell’Ittf World Tour Asarel Bulgaria Open sono strette nella morsa cinese. Tre atlete su quattro vengono dal Paese abituato a dominare, non importa che manchino all'appello le prime cinque della classifica mondiale e la numero 7, le altre bastano e avanzano.

L’impresa di giornata è toccata alla 20enne He Zhuojia (nella foto), testa di serie numero 5, che non si può proprio definire una sorpresa, essendo stata in grado l’anno scorso di raggiungere la finale alle Grand Finals di Incheon, dopo essere stata in semifinale a Hong Kong, in Austria e in Australia. Nel 2019 finora il suo risultato di maggior prestigio era stato il quarto di finale centrato in Qatar. Oggi ha fatto meglio, non concedendo neppure un set (12-10, 11-5, 11-9, 11-4) alla giapponese Kasumi Ishikawa, numero 1 del seeding.

Ha destato impressione anche la 22enne Chen Xingtong, n. 11, vincitrice nel 2017 in Ungheria e in Svezia e finalista nel 2018 a Hong Kong. Quest’anno era arrivata ai quarti in Ungheria e in casa, a Shenzhen. Nel match odierno è stata implacabile (11-6, 11-8, 11-2, 11-4) contro la malcapitata coreana Jeon Jihee, n. 8.

Non si è fermata neppure la 27enne qualificata Wu Yang, che è un'artista della difesa. Attualmente è n. 97 del ranking Ittf, ma ha un passato da n. 4 nel 2014. Il suo ultimo successo è datato 2016 a Berlino, poi ha conquistato i quarti a Magdeburgo nel 2017 e a Brema nel 2018, anno anche della semifinale a Olomouc. Per tornare al penultimo turno non ha dovuto tirare un colpo, perché la nipponica Hitomi Sato, n. 7, ha rinunciato.

A tenere alto l’onore del Paese del Sol Levante è così rimasta soltanto Mima Ito, n. 2, che ha messo fine per 4-1 (11-5, 11-8, 6-11, 11-6, 11-8) al bel percorso della qualificata singaporeana Yu Mengyu. La 18enne di Iwata è capace di tutto, come ha dimostrato nel 2018 in Svezia, battendo nei quarti per 4-3 Liu Shiwen, in semifinale per 4-2 Ding Ning e in finale per 4-0 Zhu Yuling. A luglio in Australia è uscita in semifinale, come le era già accaduto a Shenzhen, prima di giocare la finale a Hong Kong.

Domani alle ore 10 italiane saranno di fronte He Zhuojia e Wu Yang e alle 10,50 Chen Xingtong e Mima Ito, con diretta streaming al link https://tv.ittf.com/livestream/bulgaria-open-table-1/1668600.