Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Mihai Bobocica e Niagol Stoyanov Open dUngheria 2019Le due coppie italiane che si erano guadagnate l’accesso ai tabelloni dell’Ittf World Tour Asarel Bulgaria Open sono state eliminate negli ottavi di finale.

Nel misto Niagol Stoyanov e Giorgia Piccolin avevano un compito improbo, dovendo affrontare gli austriaci Stefan Fegerl e Sofia Polcanova, teste di serie numero 2 e medaglie d’argento agli ultimi Europei di Alicante.

Il loro inizio è stato molto efficace e ha fruttato un primo set vinto nettamente (11-6). Nel secondo c’è stato equilibrio e gli avversari si sono imposti di un soffio (11-9). Essere riusciti a riportare in parità una sfida che si era messa in salita ha garantito loro tranquillità, mettendoli nelle migliori condizioni per poter esprimere nella seconda parte di gara la loro solidità (11-6, 11-7).

Nel doppio maschile lo stesso Stoyanov e Mihai Bobocica (nella foto) avevano di fronte i belgi Martin Allegro e Florent Lambiet, numeri 6 del seding, che in precedenza avevano già battuto. L’occasione per ripetersi era certamente nelle loro corde, ma dopo aver ceduto il primo parziale (5-11), un dolore alla schiena di Bobocica ha complicato irrimediabilmente la missione. La seconda frazione è andata in archivio sull’11-1 e di lì a poco è arrivato il ritiro, non essendoci più le possibilità per proseguire. Peccato, perché le partite dei giorni scorsi avevano dato riscontri molto confortanti sulla competitività degli azzurri.

Domani nei quarti alle ore 10,50 italiane si sfideranno dunque, dall’alto in basso del tabellone, i giapponesi Yukiya Uda e Kazuhiro Yoshimura e Allegro e Lambiet, gli iraniani Nima Alamian e Noshad Alamiyan e gli ungheresi Nandor Ecseki e Adam Szudi, n. 4 del torneo, i taipeani Chen Chien-An e Chuang Chih-Yuan, n. 3, e i cinesi Xia Yizheng e Zheng Peifeng e i bulgari Teodor Alexandrov e Denislav Kodjabashev, n. 8, e i coreani Jeoung Youngsik e Lee Sangsu, n. 2.

Il programma scatterà alle 9 con i quarti del misto fra i cinesi Ma Te e Wu Yang e i francesi Tristan Flore e Laura Gasnier, n. 5, i romeni Ovidiu Ionescu e Bernadette Szocs, n. 6, e i coreani Cho Daeseong e Shin Yubin, i giapponesi Tomokazu Harimoto e Kasumi Ishikawa, n. 3, e gli olandesi Laurens Tromer e Britt Eerland e i nipponici Jun Mizutani e Mima Ito, n. 7, e gli austriaci Fegerl e Polcanova.

Alle 10,10 si disputeranno i quarti del doppio femminile fra le coreane Jeon Jihee e Yang Haeun, n. 1, e le cinesi Gu Yuting e Mu Zi, l’austriaca Sofia Polcanova e la romena Bernadette Szocs, n. 7, e le spagnole Galia Dvorak e Sofia-Xuan Zhang, le romene Daniela Monteiro Dodean ed Elizabeta Samara e le cinesi Chen Xingtong e Li Jiayi e le giapponesi Miu Hirano e Saki Shibata, n. 5, e le connazionali Miyuu Kihara e Miyu Nagasaki, n. 2.