Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Vladimir Samsonov eliminato in qualificazione allAustralian Open 2019A pochi giorni dalle sfide emozionanti che si sono tenute a Busan, in Corea, i fenomeni del tennistavolo mondiale sono pronti a tornare in scena nell'Ittf World Tour Platinum Australian Open, in programma a Geelong (avanti di otto ore rispetto all'Italia), a sud ovest di Melbourne, la seconda città dello Stato di Victoria. Sarà la decima edizione della manifestazione, che è nata nel 1996. Ieri sono iniziati i match dei preliminary round e domani scatteranno i tabelloni principali, che si potranno seguire in diretta streaming sui primi quattro tavoli al link https://tv.ittf.com/.

Nei turni di qualificazione si sono verificate parecchie eliminazioni a sorpresa e sono già fuori gara il bielorusso Vladimir Samsonov (nella foto APAC/Sport Media), vincitore a Geelong nel 2017, l'hongkonghese Wong Chun Ting, il taipeano Chuang Chih-Yuan, i coreani Jeoung Youngsik, semifinalista la scorsa settimana a Busan, e An Jaehyun, bronzo iridato, e il francese Simon Gauzy, e, nel femminile, le giapponesi Hina Hayata, Miyu Kato, Honoka Hashimoto e Miyu Nagasaki, l'olandese Li Jie, la taipeana Chen Szu-Yu e la tedesca Han Ying.

Venendo al tabellone, il campo di partecipazione è ancora più qualificato di quello presente la scorsa settimana, perchè nel settore maschile saranno della partita anche il cinese Lin Gaoyuan, il tedesco Dimitrij Ovtcharov e il brasiliano Hugo Calderano. Dei primi 20 del ranking mondiale mancherà soltanto il tedesco Timo Boll. Le teste di serie saranno i cinesi Fan Zhendong (n. 1), Lin Goayuan (n. 2), Xu Xin (n. 3), Ma Long (n. 5) e Liang Jingkun (n. 6), i giapponesi Tomokazu Harimoto (n. 4), Koki Niwa (n. 12) e Jun Mizutani (n. 13), Calderano (n. 7), lo svedese Mattias Falck (n. 8), i coreani Jang Woojin (n. 9) e Lee Sangsu (n. 10), Ovtcharov (n. 11) e l'altro tedesco Patrick Franziska (n. 15), l'inglese Liam Pitchford (n. 14) e l'australiano Heming Hu (n. 16).

Fra le donne erano attese le migliori venti, ma ha rinunciato la campionessa iridata e detentrice del titolo Liu Shiwen, che in tabellone è stata sostituita dalla coreana Jeon Jihee. Per il resto il seeding sarà composto dalle altre cinesi Chen Meng (n. 1), Din Ning (n. 3), Zhu Yuling (n. 4) e Wang Manyu (n. 5), dalle nipponiche Kasumi Ishikawa (n. 6), Mima Ito (n. 7), Miu Hirano (n. 9), Saki Shibata (n. 13) e Hitomi Sato (n. 14), dalla taipeana Cheng I-Ching (n. 8), dalla coreana Suh Yowon (n. 10), dall'hongkonghese Doo Hoi Kem (n. 11), dalla singaporeana Feng Tianwei (n. 12), dalla romena Bernadette Szocs (n. 15) e dall'australiana Lay Jian Fang (n. 16).  

Lo scorso anno il titolo maschile andò a Xu Xin, che è in gran forma ed è reduce dalle vittorie conquistate a Sapporo e a Busan. Il numero uno al mondo sconfisse in finale per 4-1 il connazionale Liu Dingshuo, che proveniva dalle qualificazioni. Fra le donne s'impose la già citata Liu Shiwen, che superò nell'atto conclusivo Din Ning.