Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

GIOVANNETTI Tommaso

L'Italian Junior & Cadet Open di Lignano Sabbiadoro è scattato questa mattina con i match dei gironi dei singolari juniores, che hanno promosso ai tabelloni dieci azzurri. John Michael Oyebode si è aggiudicato il suo gruppo, battendo per 3-1 (8-11, 12-10, 14-12, 11-5) il ceco Filip Vybiral e per 3-0 (11-1, 11-3, 11-8) l'inglese Naphrat Boonyaprapa. Primo anche Marco Cappuccio, grazie al 3-0 (11-8, 11-7, 11-9) sull'ucraino Yaroslav Oleskevych, al 3-1 (8-11, 11-9, 12-10, 11-9) sul francese Bilal Hamache e al 3-0 (11-6, 12-10, 11-9) sullo spagnolo Sergio Rivero.

Fra le ragazze hanno conquistato la leadership Gaia Monfardini, con il 3-0 (11-7, 11-9, 11-6) sull'ucraina Vasylysa Kanunnikova e il 3-0 (11-2, 11-5, 11-1) sulla bosniaca Alemka Hasecic, l'ottima Nicole Arlia, con il 3-2 (3-11, 11-8, 11-13, 11-8, 11-7) sulla slovena Lea Paulin e il 3-0 (12-10, 11-4, 14-12) sulla croata Zara Ilic, e Valentina Roncallo, con il 3-0 (11-3, 11-5, 11-6) sulla tunisina Maram Zoghlami, il 3-0 (11-6, 11-6, 11-1) sulla moldava Vlada Caraulnaia e il 3-0 (14-12, 11-2, 11-5) sulla greca Chrysi Fotiadou.

Hanno anche passato la prima fase, con il secondo posto, Tommaso Giovannetti (nella foto), che ha superato per 3-0 (11-6, 12-10, 11-7) il croato Jakov Jakelic e ha ceduto per 3-0 (10-12, 8-11, 7-11) al romeno Radu Andrei Miron, e Antonio Pellegrini, che ha prevalso per 3-1 (11-4, 11-13, 11-5, 11-3) sul bulgaro Martin Petrov e ha perso per 3-2 (11-9, 11-6, 7-11, 1-11, 6-11) dal greco Konstantinos Stamou e per 3-2 (5-11, 5-11, 12-10, 11-9, 9-11) dal russo Damir Akhmetsafin.

Piazza d'onore anche per Elisa Armanini, con lo 0-3 (13-15, 6-11, 8-11) dalla portoghese Celia Silva e il 3-2 (8-11, 14-12, 11-5, 6-11, 11-4) sulla bosniaca Harisa Mesetovic, Martina Nino, con l'1-3 (13-15, 11-8, 9-11, 11-13) dalla singaporeana Zhou Jingyi e il 3-1 (11-8, 15-17, 12-10, 11-4) sulla francese Marie Chapet, e Arianna Barani, con il 3-2 (11-8, 11-6, 9-11, 7-11, 12-10) sulla bulgara Ivet Ilieva e l'1-3 (11-9, 5-11, 6-11, 2-11) dalla francese Julie Pennec.

Carlo Rossi, Andrea Puppo e Jamila Laurenti sono già al main draw, in quanto teste di serie.

Eliminati Francesco Palmieri (3-1 sul bosniaco Emir Mujicic e 0-3 dal tunisino Khalil Sta e dal cinese Zeng Beixun), Luca Ceppa (0-3 dal cinese Huang Youzheng, dal greco Gerasimos Petris e dall'iberico Albert Vilardell), Simone Fazi (0-3 dal polacco Szymon Kolasa e dall'ungherese Erik Huzsvar e 2-3 dall'ucraino Maksym Melnychuk), Giorgio Mascoli (0-3 dall'inglese Shayan Siraj, dal cinese Gao Yang e dallo slovacco Adam Klajber) ed  Edoardo Caldarola (0-3 dal croato Leon Santek, dal tedesco Hannes Hoermann e dallo sloveno Rok Trtnik).

Fuori dai giochi anche Stella Frisone (0-3 dalla ceca Linda Zaderova e dalla norvegese Rikke Skattet e 1-3 dalla slovena Tjasa Novak), Evelyn Vivarelli (2-3 dalla serba Radmila Tominjak e dalla bosniaca Marija Gnjatic e 1-3 dalla statunitense Joanna Sung), Irene Favaretto (1-3 dalla francese Berenice Marteau, 3-1 sull'inglese Millie Rogove e 0-3 dalla cinese Wang Tianyi) e Chiara Visentin (0-3 dalla singaporeana Ser Lin Qian, 1-3 dalla russa Anastasiia Ivanova e 2-3 dalla lituana Auguste Melaikaite).

Venendo ai doppi, nei sedicesimi Laurenti e Monfardini hanno avuto la meglio per 3-2 (11-9, 6-11, 7-11, 11-9, 11-8) sulle sorelle lituane Emilija e Kornelija Riliskyte e negli ottavi sono state fermate per 3-2 (6-11, 8-11, 11-9, 11-9, 9-11) dalle slovene Tara Kobetic e Lea Paulin.

Out nei sedicesimi Barani e Favaretto, per 1-3 dalle statunitensi Rachel Sung e Amy Wang, Puppo e Rossi, per 1-3 dai cechi Frantisek Onderka e Adam Stalzer, e Mascoli e Palmieri, per 1-3 dai greci Gerasimos Petris e Konstantinos Stamou.

Disco rosso nei trentaduesimi per Giovannetti e Pellegrini, per 0-3 dagli sloveni Matija Novel e Rok Trtnik, Caldarola e Fazi, per 0-3 dal finlandese Alex Naumi e dallo statunitense Michael Minh Tran, Cappuccio e Oyebode, per 0-3 dai tunisini Youssef Abid e Khalil Sta, Arlia e Armanini, per 2-3 dalla moldava Vlada Caraulnaia e dall'ucraina Anastasiia Moskaliuk, Frisone e Visentin, per 1-3 dalle slovacche Natalia Divinska e Zuzana Pekova, e Nino e Roncallo, per 2-3 dalle francesi Marie Chapet e Julie Pennec.