Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Carlo Rossi Campionati Mondiali Juniores 2018 okAndrea Puppo e Carlo Rossi (nella foto) sono approdati ai quarti di finale del doppio juniores dell'Open di Svezia giovanile. Hanno battuto nei sedicesimi per 3-1 (11-4, 11-8, 13-15, 11-6) gli svedesi Elliot Lundqvist e Carl Sahle e negli ottavi per 3-0 (11-9, 11-4, 11-4) i tedeschi Dominik Jonack e Daniel Rinderer e domani mattina alle ore 9 affronteranno l'irlandese Owen Cathcart e il norvegese Borgar Haug, per salire sul podio.

Marco Cappuccio e John Michael Oyebode hanno avuto la meglio nei trentaduesimi per 3-0 (11-2, 11-9, 11-9) sugli inglesi Naphat Boonyaprapa e Joseph Cop e nei sedicesimi hanno perso per 3-0 (5-11, 8-11, 8-11) contro i francesi Antoine Doyen e Fabio Rakotoarimanana.

Fabio Landolfi e Riccardo Varone hanno superato per 3-2 (11-9, 13-11, 7-11, 3-11, 11-7) il lettone Daniels Kogans e il salvadoregno Diego Orantes e hanno poi ceduto per 3-0 (7-11, 8-11, 7-11) agli svedesi Daniel Lindso e Hugo Torngren.

Subito eliminati Cristian Mellino e Giovanni Novi, per 3-0 (4-11, 2-11, 4-11) da Cathcart e Haug, e Asia Bertolaccini e Gaia Smargiassi, per 3-2 (9-11, 11-6, 9-11 11-9, 6-11) dalle statunitensi Kayleigh Cui e Purvi Soni.

Nel singolare nei trentaduesimi Rossi si è imposto per 4-0 (11-4, 11-8, 11-8, 12-10) sul russo Marat Sultanov e domani alle 10,30 nei sedicesimi affronterà il giapponese Sora Matsushima. Puppo ha prevalso per 4-2 (6-11, 8-11, 12-10, 11-4, 11-5, 11-9) sul norvegese Sigurd Sorheim e alla stessa ora sarà opposto all'irlandese Owen Cathcart.

Oyebode è stato sconfitto nei trentaduesimi per 4-2 (11-8, 11-7, 7-11, 8-11, 7-11, 5-11) dallo statunitense Sid Naresh  e Cappuccio nei sessantaquattresimi per 4-0 (8-11, 5-11, 6-11, 7-11) dal singaporeano Yong Izaac Quek.