Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Niagol Stoyanov e Giorgia Piccolin Open dUngheria 2019Niagol Stoyanov e Giorgia Piccolin non sono riusciti a ribaltare il pronostico. Dopo aver raggiunto il tabellone, con due belle vittorie nei turni eliminatori per 3-1 contro gli svizzeri Lars Posch e Celine Reust e gli egiziani Omar Assar e Dina Meshref, negli ottavi di finale del doppio misto dell'Open di Ungheria hannno ceduto per 3-0 (8-11, 6-11, 6-11) ai cinesi Xu Xin e Liu Shiwen, teste di serie numero 5.

Le due coppie si sono divise i primi sei punti, poi sul servizio di Xu Xin i cinesi hanno operato il primo tentativo di allungo (5-3). Gli azzurri sono rimasti in scia e hanno impattato con un rovescio di Piccolin e una risposta vincente di Stoyanov (7-7). Xu ha capitalizzato il suo doppio turno in battuta e un errore di Giorgia ha consegnato agli avversari tre set-point (10-7), il secondo dei quali ha fruttato l'1-0.

Nel secondo parziale gli asiatici sono saliti 4-1 e un top di diritto della bolzanina ha ridotto il gap. Sul 5-3 Stoyanov ha messo lungo un recupero di diritto. Il duo italiano non si è disunito è si è riportato sotto (6-5), salvo poi essere rispedito indietro (9-5). Sono arrivati quattro set-point (10-6) e Xu Xin non ha avuto problemi a chiudere al primo.

L'avvio di terza frazione ha visto gli azzurri in vantaggio (3-2), ma subito ripresi e superati. Un diritto a sventaglio out di Xu ha ricreato la parità (4-4). Sul 5-5 un punto del cinesi e due errori di Stoyanov e Piccolin hanno indotto Patrizio Deniso e Maurizio Gatti a chiamare il timeout. Alla ripresa Niagol ha sbagliato il servizo e Liu un facile rovescio alto. La risposta in rete di Piccolin ha issato i rivali al quadruplo match-point (10-6) e Xu Xin alla prima chance non ha perdonato.

I due azzurri rimangono comunque in corsa per qualificarsi ai Giochi Europei, in programma a fine giugno a Minsk, in Bielorussia.