Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Raffaele DAmbrogioIn vista della prossima ripresa dell’attività agonistica, in Sicilia, come c’informa l’addetto stampa regionale Mario Lo Presti, si sono svolti due incontri online con i quadri arbitrali, guidati dal Fiduciario Arbitri Regionali Raffaele D’Ambrogio (nella foto). Sono stati registrati, in modo tale da essere accessibili, in un momento successivo, anche agli assenti.

«In accordo con il Comitato Regionale - spiega D’Ambrogio - ci siamo ritrovati con i colleghi, soprattutto per non “far perdere la bussola” agli Aspiranti Giudici Arbitri (AGA) dopo un periodo così lungo d’inattività. Nella prima riunione del 27 Dicembre, alla quale hanno partecipato in 16, sono stati approfonditi diversi punti. Ovviamente a farla da padrone è stata l’applicazione del protocollo Covid-19 per l’attività a squadre e per quella individuale, specificando, fra l’altro, oltre alle solite normative in materia, anche come debbano comportarsi gli atleti. Inoltre, è stata rispolverata la corretta redazione dei referti di gara, un aspetto da non sottovalutare».

Per quanto riguarda l’incontro del 3 gennaio, «è stato incentrato sull’esame del programma informatico “Gestione Gare”, al fine di ampliare il numero degli Operatori al computer per poter utilizzare le nuove figure durante lo svolgimento di tornei. Erano presenti in 18 e tutti si sonno dimostrati molto interessati. Attualmente, con Salvatore Palermo e Giuseppe Vargetto, siamo gli unici a sapere utilizzare il programma ed è giusto allargarne la conoscenza, per dare modo anche ad altri di essere disponibili, nella veste di Operatori».

Non mancano ulteriori obiettivi. «Abbiamo intenzione di allargare il corpo arbitrale - afferma il FAR siciliano - dal momento che ci sono in cantiere alcune richieste al riguardo. Inoltre, non è stata abbandonata l’idea di programmare un corso di formazione per il passaggio di livello da AGA a Giudici Arbitri Provinciali. Gli incontri online non finiranno qui: li ripeteremo con una cadenza mensile, o al massimo bimestrale, in maniera da approfondire gli argomenti che necessitino di ulteriori chiarimenti».