2020 Assemblea 01 minibanner

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

LogoFITET generica 14Il Consiglio Federale della FITeT si è riunito in videoconferenza.

I lavori sono stati aperti dall'approvazione del verbale del Consiglio del 27 gennaio.

Nelle sue comunicazioni il presidente Renato Di Napoli ha ricordato che quello in corso sarebbe stato l’ultimo Consiglio prima dell’Assemblea Ordinaria Elettiva del 6-7 marzo e ha chiarito che era stato convocato principalmente per approvare i criteri e l’assegnazione dei contributi integrativi finalizzati assegnati alla FITET da Sport e Salute il 20 novembre 2020.

Dopo l’insediamento del nuovo Consiglio dei Ministri, il mondo sportivo è in attesa di conoscere la persona cui verrà assegnata la delega allo Sport, con l’augurio che la scelta cada su un uomo o una donna che conosca lo sport.

A Terni si sono svolti con successo i Campionati Italiani Assoluti e il presidente ha ringraziato tutto il personale della FITeT e il resto dello staff, per aver garantito l’organizzazione della manifestazione con un occhio particolare rivolto al rispetto della sicurezza e della salute di tutti coloro che sono stati coinvolti.

Di Napoli ha fatto i complimenti a Giorgia Piccolin e a Marco Rech Daldosso, che hanno conquistato gli ambiti titoli tricolori.

Si è anche congratulato con i presidenti degli ultimi tre Comitati Regionali che hanno rinnovato i propri organi: Stefano Sdringola in Calabria, Pietro Guarino in Campania e Marco Berzano nelle Marche.

Nei giorni scorsi il numero uno della FITeT ha incontrato in videoconferenza tutti i presidenti regionali, per un amichevole confronto e un saluto in vista della chiusura del suo mandato.

Ha poi reso noto che è partita la seconda fase del progetto che riguarda le Scuole di Tennistavolo, con gli stage che si stanno effettuando in tutta Italia. È stato coinvolto anche l’ex campione e attuale tecnico Yang Min, che ha accettato con entusiasmo di collaborare con la Federazione.

Sono state aperte le candidature per organizzare le tappe del Ping Pong Tour 2021, il progetto promozionale che riguarda la nuova divertente pratica pongistica del Table Tennis X, sostenuta con convinzione dall’International Table Tennis Federation. A questo proposito è in procinto di essere stipulato un accordo con un’importante azienda, che supporterà la FITeT nell’organizzazione.

In seguito all’ufficializzazione da parte della ITTF delle date di disputa delle Qualificazioni Olimpiche di singolare, mondiali in Qatar ed europee in Portogallo, è stato fatto un sondaggio presso le associazioni di serie A1 maschile e femminile allo scopo di verificare l’opportunità di apportare eventuali modifiche al calendario.

Di Napoli ha concluso il suo intervento, ricordando che sono state pubblicate le Guide ai Campionati di serie A1 maschile e femminile, che costituiscono un utile strumento di consultazione per chiunque segua con passione le massime rassegne nazionali a squadre.

Si è poi passati alla ratifica delle deliberazioni del presidente.

Successivamente sono stati approvati i provvedimenti amministrativi relativi ai vari settori federali.

Per quanto concerne il settore tecnico, in concomitanza con la possibilità di riavvio dell’attività, che ha consentito loro di completare l’iter di accreditamento previsto, è stato riconosciuto lo status di Scuole di Tennistavolo alle società Stet Mugnano, Tennistavolo Latisana, Tennistavolo Don Giuseppe Palamà e Batti 5.

Per il settore paralimpico, sono stati approvati i regolamenti dell’attività individuale ed è stato deciso di aumentato  il montepremi della classifica di società. Non essendo in programma lo svolgimento di tornei individuali, durante i quali si sarebbero dovute svolgere le visite di classificazione per i nuovi atleti, si è data l’opportunità anche agli atleti non classificati di iscriversi ai Campionati Italiani ai quali potranno partecipare, previa visita di classificazione che sarà effettuata prima delle competizioni.

I Campionati Italiani Paralimpici si disputeranno dal 20 al 23 maggio a Reggio Emilia. La Regione Emilia Romagna ha voluto con forza ospitare questa manifestazione garantendo alla Federazione il proprio sostegno.

Con riferimento al settore agonistico, sono stati approvati all’unanimità i criteri di assegnazione del Premio Attività Giovanile “Elia Mazzi”, nell’ambito del quale è stata allargata la platea delle società beneficiarie da 64 a 100. A tal proposito è stata decisa una rivisitazione del punteggio per le attività individuale e a squadre. A ciascuna competizione di singolare e a squadre verrà assegnato un punteggio, in relazione al numero dei partecipanti e delle compagini coinvolte, per avere una maggiore equità e una maggiore distribuzione dei punteggi. La classifica verrà stilata sulla base dei risultati ottenuti ai Campionati Italiani Individuali e a Squadre.

Riguardo all’attività Veterani, a brevissimo saranno pubblicati i gironi e ufficializzate le sedi dei concentramenti, che saranno ospitati dalle società che ne hanno fatto richiesta. La prima fase, appunto a concentramenti, si svolgerà a gironi, composti al massimo da 5-6 squadre, mentre quella conclusiva, per quanto concerne le serie A1, A2 e B, avrà luogo durante i Campionati Italiani Veterani di Riccione.

Si è poi preso in esame il numero minimo di partite che un’atleta debba disputare nella regular season, per poter essere impiegato nei playoff e si è deciso, all’unanimità, che in serie A2 e B femminile le straniere e le italiane classificate prima, seconda o terza categoria nelle classifiche d’inizio stagione (al 1° luglio di ogni anno), per acquisire il diritto di giocare i playoff, debbano avere svolto almeno due incontri nella prima fase.

In merito al tema dei contributi da assegnare alle società, Di Napoli ha ricordato che il 20 novembre scorso la Federazione ha ricevuto da Sport e Salute un contributo, da finalizzare, per la metà, a cosiddetti “voucher”, con l’obiettivo di incidere sui costi che le famiglie o direttamente i praticanti debbano sostenere per svolgere l’attività sportiva, e, per l’altra metà, a contributo per “emergenza Covid”, allo scopo di supportare tutta la base sportiva, con particolare riferimento ai maggiori costi che le associazioni siano state chiamate a  sostenere o dovranno sostenere nei prossimi mesi per garantire la ripartenza della pratica sportiva (costi di sanificazione, tamponi, acquisto DPI, ecc.)

Per la parte relativa ai voucher, l’intendimento, coerentemente con le indicazioni generali emanate da Sport e Salute, è stato di agevolare soprattutto la fascia giovanile, fra gli 8 e i 17 anni, e gli Over 65, con particolare attenzione ai tesserati di sesso femminile e con disabilità.

La FITeT ha previsto tre tipologie d’intervento, il primo che incidesse direttamente sulle quote d’iscrizione dei soci alle varie associazioni, il secondo che agevolasse il sostenimento dei costi di tesseramento, e il terzo che andasse a premiare i giovani dei settori olimpico e paralimpico, creando le condizioni per migliorare qualitativamente e quantitativamente, senza aggravi di spese, le loro condizioni di allenamento (messa a disposizione di sparring, acquisto di attrezzatura, sessioni programmate in giorni supplementari a settimana ecc.).

La Federazione, su richiesta di Sport e Salute, dovrà predisporre un sistema di verifica e monitoraggio al fine di accertare che i tesserati o le loro famiglie abbiano avuto dei benefici diretti dall’assegnazione dei contributi.

Per i contributi relativi all’ ”Emergenza Covid”, è stato previsto:

  • un contributo forfettario per tutte le società, che non siano iscritte o che abbiano rinunciato alla partecipazione ai campionati nazionali;
  • un contributo a fasce per le associazioni che disputino regolarmente i campionati nazionali.

Anche in questo caso, saranno condotte dagli Uffici Federali delle attività di monitoraggio e verifiche allo scopo di accertare la corretta finalizzazione dei contributi.

Le delibere riguardanti sia i criteri di distribuzione delle risorse alle società sia il piano di ripartizione fra i contributi per voucher e per l’emergenza Covid sono stati approvati dal Consiglio a maggioranza.

Dopo aver preso in esame una serie di altri provvedimenti e aver assunto le relative delibere, il Consiglio Federale ha terminato i suoi lavori.

In chiusura il presidente Di Napoli ha ringraziato tutti i consiglieri per la collaborazione prestata nel corso del quadriennio e ha formulato i suoi “in bocca al lupo” a tutti coloro che saranno impegnati nella prossima corsa elettorale.

Tutti i consiglieri si sono uniti a lui nell’esprimere la loro gratitudine a tutto lo staff federale, per aver supportato, al meglio delle loro possibilità, il lavoro del Consiglio Federale nel corso del loro mandato.