2020 Assemblea 01 minibanner

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Sarkis Sarkhajan 2Era nato in Georgia nel 1947, per poi vivere a lungo a Mosca. All’età di 73 anni è mancato Sarkis Sarkhajan, prima grande campione e poi tecnico importante anche per il tennistavolo italiano.

Da atleta è stato il n. 7 della classifica internazionale nel 1973 e ha conquistato la medaglia d’argento nel doppio misto ai Campionati Mondiali del 1975. In singolare fu sesto nel 1973 e quinto nel 1975. Agli Europei ha vinto due argenti (nel 1966 e nel 1968) e due bronzi (1976 e 1978) a squadre con l’Unione Sovietica e sul fronte individuale un argento (1970) e un bronzo (1978) nel misto e un bronzo (1974) nel doppio maschile.

Dopo aver allenato le squadre femminili giovanili sovietiche, nel 1991 venne in Italia per occuparsi della Nazionale femminile assoluta, incarico che lasciò nel 1995 per seguire il settore giovanile. Con lui alla guida agli Europei del 1997 a Topolcany, le ragazze della team juniores, Ding Yan, Wang Yu e Denisa Zancaner, conquistarono il titolo e Ding Yan e Wang Yu ottennero l’oro anche in doppio.

Sarkis Sarkhajan scudetto a Castel GoffredoHa lavorato ai Centri Federali di Fiuggi e di Terni fino al 2003, per poi scrivere altre pagine importanti a livello di club, dal 2004 al 2009 a Castel Goffredo, contribuendo a quattro scudetti e alle due storiche vittorie in Champions League. Si è poi trasferito a Bratislava, dove a inizio gennaio 2010 è stato colpito da un ictus, che ha condizionato gli ultimi dieci anni della sua vita.

Sarkhajan era una persona tecnicamente molto preparata, che non faceva pesare la sua esperienza ed era apprezzata per la sua grande disponibilità.

Il presidente Renato Di Napoli e il Consiglio Federale partecipano al dolore della famiglia.