Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Timo Boll al servizioContinua l’interesse di alcune riviste scientifiche internazionali per il mondo del tennistavolo.  Fra queste c'è l’International Journal of Racket Sports Science (IJRSS), che nei giorni scorsi ha pubblicato un articolo scientifico sul nostro sport, intitolato Serve analyses of elite European table tennis matches.  

Il gruppo degli autori comprende esperti del settore, come il serbo Zoran Djokic, il tedesco Gunter Straub, il greco Michail Katsikadelis e il nostro Ivan Malagoli, in qualità di Docente Universitario del corso di Scienze Motorie a Bologna.

Lo scopo dello studio è stato quello di analizzare il servizio (eseguito nella foto di Rémy Gross da tedesco Timo Boll) e alcune variabili collegate a esso, considerando i migliori atleti europei maschili di tennistavolo. Per fare ciò, sono state analizzate 20 partite (78 games e 1466 punti) delle semifinali e finali della German League e del Europe TOP 16 maschile. Gli indicatori di prestazione del servizio presi in considerazione sono stati: tipologia di servizio, tipi di colpi per rispondere, piazzamento e risultato finale. Queste variabili sono state analizzate in relazione al risultato della partita, del set, del singolo punto, della fase e del tipo di set.

Sinteticamente, i risultati mostrano che il servizio di dritto è prevalente (76.9%) rispetto agli altri tipi ed è prevalentemente indirizzato al centro del tavolo, sul lato del rovescio del ricevitore. La percentuale di punti vinti direttamente col servizio è dell’11.6%, mentre i punti vinti con il terzo e quinto colpo sono il 22.4%, e il 10.9%, rispettivamente. I punti persi dopo il servizio sono il 25.0% dopo la terza palla ed il 22.4% dopo la quinta palla. I servizi sbagliati direttamente, rappresentano l’1.5% del totale analizzato. I risultati mostrano inoltre che nella fase finale delle partite, i punti vengono vinti maggiormente con la terza palla, rispetto alle fasi iniziali.

Le analisi statistiche utilizate (Pearson’s chi-squared test) permettono di valutare in modo approfondito l’associazione fra le variabili considerate: tipo di servizio, risultato azione, risultato partita, fasi della partita, piazzamento, ecc.

Molte considerazioni tecnico-tattiche possono essere fatte sulla base dei risultati ottenuti, fotografando un modello di riferimento di alto livello.

L’articolo esteso può essere scaricato gratuitamente al link https://racketsportscience.org/serve-analyses-of-elite-european-table-tennis-matches/.