Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

LogoFITET generica 14Cari amici,

ho deciso di scrivervi personalmente per poter condividere con ciascuno di voi questo momento di particolare preoccupazione, e direi difficoltà, che non solo il nostro, ma, ormai, molti altri Paesi al mondo stanno vivendo a causa del diffondersi dell’emergenza epidemiologica.

La situazione è ormai in continua evoluzione e le decisioni prese dalle autorità governative di volta in volta sono state fino a oggi attentamente analizzate e fatte seguire da decisioni che hanno avuto immediato riflesso (alcune volte ahimè gravi) sull’ambito di pertinenza di ciascun settore organizzativo del nostro Paese.

 Anche per quanto riguarda la nostra Federazione e l’intero movimento pongistico il sottoscritto, in accordo con il Consiglio Federale, ha dovuto prendere fino a oggi decisioni che hanno avuto un forte impatto sulla vita federale, ma finalizzate alla tutela, innanzitutto, della salute di tutti coloro che, a diverso titolo (atleti, tecnici, dirigenti, ufficiali di gara e operatori in genere), sono coinvolti nell’organizzazione degli eventi sportivi pongistici. Questa tutela è questo l'obiettivo primario di tutti noi dirigenti sportivi.

 Purtroppo contrariamente all’ottimismo che ci aveva indotto ad assumere decisioni di sospensione e/o rinvio di attività in calendario solo fino alla data del prossimo 8 marzo, seppur ben consci che probabilmente sarebbero seguiti ulteriori provvedimenti governativi, abbiamo appena appreso che il Governo ha adottato in data odierna un nuovo decreto attraverso il quale è stata prevista la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado e delle Università dell’intero territorio nazionale a partire da domani 5 marzo e fino al prossimo 15 marzo.

 Come sappiamo ciò, di fatto, implica l’impossibilità da parte della stragrande maggioranza delle nostre società sportive di utilizzare le palestre per far svolgere gli allenamenti dei propri atleti.

 Oltre a ciò, lo stesso decreto ha disposto il divieto di svolgimento di manifestazioni sportive che prevedono l’affluenza di pubblico per i prossimi 30 giorni, consentendo esclusivamente la possibilità di disputare incontri di attività a squadre rigorosamente “a porte chiuse”.

 Tutto ciò premesso, al fine di non creare delle sperequazioni di trattamento tra società e salvaguardare, per quanto possibile, il regolare svolgimento dei campionati a squadre e delle attività federali in genere, dopo essermi consultato con l’intero Consiglio Federale, ho deciso di adottare l’ennesimo provvedimento d’urgenza attraverso il quale, facendo seguito al decreto governativo, sono state assunte le seguenti decisioni:

  • sospensione e/o rinvio di tutte le attività federali (nazionali e regionali) a squadre previste nei calendari ufficiali fino alla data del prossimo 15 marzo;
  • di disputare gli incontri a squadre dei campionati nazionali, in calendario il 6-7-8 marzo p.v e rinviati, il cui recupero è previsto per il 3-4-5 aprile p.v. a porte chiuse;
  • di disputare gli incontri a squadre nei campionati regionali, già calendarizzati alla data del 4 marzo p.v., a partire dal 16 marzo, a porte chiuse;
  • sospensione e/o rinvio di tutte le attività federali (nazionali e regionali) individuali previste nei calendari ufficiali fino alla data del 5 aprile p.v.;
  • rinvio dei Campionati Italiani Giovanili a squadre;
  • rinvio dell’assemblea Straordinaria per l’approvazione del nuovo Statuto, inizialmente prevista per il 28 marzo p.v., a data da destinarsi.

 Faccio appello inoltre al senso di responsabilità di tutti noi affinchè in questo momento di particolare incertezza sugli sviluppi di questa crisi, l’intero movimento pongistico sappia dare un esempio di unità e compattezza, non lasciandosi andare a “fughe in avanti” o a “decisioni irresponsabili” dell’uno o dell’altro delle quali, vi garantisco non si sente il bisogno, e dimostrando invece di saper dare il nostro modesto contributo per un ritorno alla normalità della vita economica, sociale e produttiva di questo nostro amato Paese, che, auspichiamo, arrivi al più presto.

 Come sempre il sottoscritto, il Consiglio Federale e tutti gli uffici restano a vostra disposizione per eventuali chiarimenti, rimanendo inteso che, in caso di ulteriori evoluzioni sulla questione, sarà nostra cura fornirvi i più pronti aggiornamenti.

In allegato il Decreto emesso in data odierna della Presidenza del Consiglio dei Ministri