Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Renato Di Napoli in Puglia gennaio 2020Il presidente federale Renato Di Napoli, accompagnato dalla presidente del Comitato Regionale Puglia Elvira Gattulli e dal vicepresidente regionale Antonio Tasso, ha preso parte nei giorni scorsi a tre incontri programmati in Puglia con le società della Regione, rispettivamente a Foggia, a Bari, dove era presente anche il vicepresidente nazionale Giacomo Barbieri, e a Grottaglie.

L’iniziativa, oltre a prevedere la premiazione delle società e degli atleti che hanno conseguito risultati, a squadre e individuali, nelle attività agonistiche della stagione 2018/2019, ha rappresentato per tutti i sodalizi una occasione per potersi confrontare con i vertici della Federazione anche sulle problematiche inerenti alle attività quotidiane, come il non sempre facile reperimento degli impianti per allenamenti e gare. Non sono mancati suggerimenti con riferimento ai regolamenti per le gare a squadre e individuali.

Renato Di Napoli in Puglia gennaio 2020 2Per venire incontro alle problematiche emerse, il presidente Di Napoli ha illustrato il progetto relativo all'introduzione delle scuole di tennistavolo. «Il miglioramento dell'organizzazione delle società e della qualità del servizio offerto - ha affermato il numero uno della FITeT - sarà certamente utile all'incremento della conoscenza e della diffusione del nostro sport, perchè lo renderà più attrattivo nei confronti dei potenziali praticanti. È a questo che dobbiamo puntare, incrementando la professionalità, anche grazie  all'attenzione riservata alla formazione di dirigenti, allenatori e maestri. La Federazione aiuterà tutti i club che vogliano investire nell’attività giovanile e non solo, che portino avanti progetti all'interno delle scuole e che concorrano alla crescita del settore paralimpico, che già sta regalando al nostro movimento grandissimi risultati».