Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Massimo GirolamoSono in corso ad Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti, i Giochi Mondiali Special Olympics, riservati a persone con disabilità intellettive, che coinvolgono 7.000 atleti provenienti da 170 Paesi, impegnati in 24 discipline. L'Italia sta partecipando con una delegazione di 115 atleti, 44 tecnici e tre delegati.

Anche il tennistavolo è salito alla ribalta della manifestazione iridata, grazie a Massimo Girolamo, che ha conquistato la medaglia di bronzo. Massimo è messinese è ha 49 anni. Nel 1984 gli è stata diagnosticata la Sindrome di Marinesco-Syogren, che comporta difficoltà nel coordinare i movimenti e il linguaggio.

Il siciliano è un grande appassionato di sport e, dopo aver giocato a calcio e aver praticato anche l'atletica e il nuoto, nel 2014 ha scoperto il ping pong, grazie all'incontro con Salvatore Caruso, maestro federale e allenatore dell'Asd Pongistica Messina Team Special Olympics. Da allora si è aggiudicato tre ori ai Giochi Nazionali Estivi di Montecatini e la nostra disciplina lo ha supportato anche dal punto di vista fisico, aiutandolo a vivere meglio.

La convocazione nell'ambito della squadra azzurra ha ripagato l'impegno profuso negli allenamenti ed è stato per lui la concretizzazione di un sogno. Massimo ha ripagato la fiducia riposta in lui con un podio ricco di significati.