Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Renato Di Napoli visita in Abruzzo e MoliseUn doppio confronto proficuo e ricco di spunti interessanti si è tenuto a Vasto, dove il presidente federale Renato Di Napoli e il direttore tecnico giovanile Matteo Quarantelli hanno incontrato separatamente i vertici di Abruzzo e Molise. In rappresentanza del Comitato Regionale abruzzese erano presenti il presidente Stefano Comparelli e i referenti tecnici Marco Prosperini e Paolo Caserta.
Si è svolta una discussione a 360°, che ha riguardato molteplici aspetti della vita pongistica regionale, mirata alla disamina dei risultati attuali per porre così le basi per l'ottenimento di quelli futuri.  

Il presidente Comparelli ha precisato che negli ultimi anni si sta affermando un settore giovanile abruzzese caratterizzato da una continuità di reclutamento e una qualità tecnica che in passato non si erano mai verificati.
I referenti Prosperini e Caserta hanno poi rimarcato come la mancanza di un Centro pongistico regionale costringa i tecnici a numerosi spostamenti presso le diverse associazioni, con costi di viaggio superiori al normale, amplificati tra l'altro dalla particolare conformità geografica della Regione. Questo aspetto comporta un dispendio anomalo di risorse, che incide profondamente sul già esiguo budget abruzzese.
Di qui la necessità di trovare soluzioni che possano agevolare l’attività regionale, non ultima la possibilità di valutare, qualora sussistano le condizioni, la creazione di un Centro regionale del tennistavolo, nel quale concentrare le attività di sviluppo e promozione del settore giovanile.

Di Napoli ha evidenziato quanto la Federazione stia facendo per andare incontro anche ai C.R. che operano in ambiti territoriali più ristretti e che comunque mostrino la volontà di crescita, attivandosi in tal senso.
Le ultime risoluzioni adottate dal Consiglio Federale, anche riguardo alla assegnazione e distribuzione di attrezzature e pavimentazione, rappresentano atti concreti che certamente non esauriscono quanto in animo della Federazione per cercare di essere vicina a tutti e in particolare proprio a quei territori che dispongono di minori mezzi economici e strutturali.

Il numero uno della FITeT ha sottolineato l’invito all’adesione al progetto “Racchette di classe”, l’iniziativa attivata in sinergia con la Federazione Italiana Tennis e la Federazione Italiana Badminton e da svolgere presso gli istituti scolastici delle scuole primarie, che ha il fine di agevolare l’attività di reclutamento e tesseramento in ambito giovanile.

Con il direttore tecnico Quarantelli sono state tracciate le linee essenziali del progetto giovanile regionale e individuate le priorità che, dopo un’attenta analisi, da fare alla fine di questo tour che ha riguardato le diverse Regioni italiane, potrebbero potenzialmente essere soddisfatte dal massimo organismo federale.
L’incontro con il sindaco di Vasto Francesco Menna ha suggellato ufficialmente una manifestata, reciproca volontà d'interazione e collaborazione della città con la FITeT, che avrà inizio molto presto, con lo svolgimento di uno dei tre prossimi tornei nazionali di 4° categoria, che si disputerà appunto a Vasto il 20 e 21 gennaio prossimi. Si proseguirà successivamente con la programmazione di nuove iniziative.

Precedentemente, nella stessa sede, Di Napoli e Quarantelli hanno incontrato il presidente del Comitato Regionale Molise Bernardo Cosimi e il nuovo referente tecnico Daniele Prigioniero. Si è discusso prevalentemente sul progetto giovanile e sulla programmazione. Cosimi ha spiegato che, contrariamente agli scorsi anni, in quello attuale si è partiti con il piede giusto, in quanto i bambini coinvolti sono più che triplicati. Prigioniero ha assicurato la propria disponibilità per lo svolgimento di un'attività che possa garantire la crescita dei giovani molisani.

In questa stagione sono già stati effettuati due stage e l'obiettivo è di organizzarne uno al mese. In prossimità delle finali nazionali della Coppa delle Regioni e del Ping Pong Kids, l'impegno sarà intensificato e Prigioniero svolgerà anche degli interventi presso le società. Di Napoli e Quarantelli hanno preso atto di questa nuova tendenza positiva. Anche il Molise aderirà al progetto "Racchette di classe". Cosimi ha promesso la partecipazione degli atleti ai tornei nazionali, già a partire dal prossimo appuntamento in programma a dicembre a Terni.