Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Li Qian campionessa europea 2018 ad AlicantePer la decima volta nelle ultime quindici edizioni un'atleta cinese naturalizzata si è aggiudicata il titolo europeo. La 32enne Li Qian (nella foto di Rémy Gros) è diventata polacca nel 2007 e nel 2009 si è imposta nel Top 12. Ad Alicante era alla sua prima finale continentale e, da testa di serie numero 5, ha superato in rimonta per 4-2 (8-11, 10-12, 11-6, 11-6, 11-2, 11-2) un'esausta ucraina Margaryta Pesotska (n. 49 del seeding), che era partita dalle qualificazioni. Aveva già perso l'atto conclusivo nel 2009, sconfitta dalla tedesca Wu Jiaduo, e si era classificata terza nel 2011, proprio al fianco della sua contendente odierna. Tanto di cappello a lei, al termine di un torneo disputato in modo fantastico.

La sfida proponeva un confronto di stili, fra l'attaccante Pesotska e la difesa Li Qian, e nel primo parziale la 27enne di Kiev ha preso il comando (6-4). Lo ha mantenuto, riuscendo e eludere il tentativo di aggancio della polacca (9-8). Aggiudicandosi uno scambio lunghissimo, si è presa un set-point e un diritto fuori dell'avversaria le ha consegnato l'11-8.

Li ha iniziato il secondo parziale cercando a tratti di essere più intraprendente (4-2) e ha mantenuto sempre a distanza la Pesotska, che, quando si è trovata a fronteggiare quattro set-point, ha compiuto un piccolo grande miracolo di tattica e di pazienza, annullandoli tutti. Dopo il timeout della panchina polacca, ha ottenuto anche i due punti che le hanno dato il 12-10.

Nella terza frazione Li Qian ha ripreso a imperversare con i suoi colpi in backspin (7-2), ma l'ucraina ha avuto il merito di non perdere la calma e ha rimontato (6-8), cedendo però i due scambi seguenti e anche quello sul primo set-point (6-11).

Il terzo parziale non si è discostato dalla falsariga del precedente, con Li avanti (6-2). Pesotska ha recuperato (6-5) per poi vedersi nuovamente sfuggire la rivale (9-6). La polacca ha messo in fila quattro palle per chiudere e alla prima ha indotto l'ucraina all'errore (11-6).

La partita era definitivamente girata e il quinto set non ha avuto storia (11-2) a favore di Li, che poi ha dominato anche il sesto, con una partenza sprint (6-0) e un agevole controllo della situazione, fino all'esito ormai scontato (11-2), che ha rappresentato il primo successo per la Polonia.