Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Podio doppio misto World Cadet Challenge 2017Il tennistavolo italiano è sul tetto del mondo, grazie a Jamila Laurenti, che al World Cadet Challenge, principale manifestazione planetaria riservata ad atleti Under 15, ha vinto la medaglia d'oro nel doppio misto con il cinese Niu Guankai. A Suva, capitale delle Isole Fiji, l'azzurra e l'asiatico erano arrivati in semifinale, eliminando nei sedicesimi per 2-1 (11-4, 7-11, 11-5) il russo Maxim Grebnev e l'egiziana Hana Mahmoud, negli ottavi per 2-0 (11-5, 11-2) il tunisino Youssef Ben Attia e nei quarti per 2-0 (11-6, 11-5) il canadese Alexander Bu e la portoricana Fabiola Diaz.

Già sicuri del podio, hanno puntato dritti al massimo obiettivo. Nel penultimo turno hanno battuto per 2-0 (11-9, 11-7) il canadese Edward Ly e la giapponese Yumeno Soma e in finale hanno concretizzato il loro sogno iridato, superando per 2-1 (11-13, 11-7, 11-6) il brasiliano Diogo Silva e la coreana Hanna Ryu.

Un successo meritato, perché nonostante si sia trattato di un duo sorteggiato, che giocava insieme per la prima volta, Jamila e Niu hanno dimostrato in campo grande affiatamento e movimenti perfettamente sincronizzati. La reatina, che era salita sul terzo gradino nella gara a squadre con il team europeo, nel misto ha guardato tutti dall'alto in basso. Un risultato che conferma la sua competitività ai massimi livelli internazionali, dopo il quarto posto ottenuto al Top 10 Europeo Giovanile di Worcester, in Inghilterra.

Nel singolare a Suva Laurenti si è piazzata nona, imponendosi nell'ultimo match per 3-2 (11-3, 8-11, 8-11, 11-4, 11-8) sull'indiana Diya Parag Chitale. Non fortunato il sorteggio, che negli ottavi l'ha opposta alla cinese Huang Yingqi, testa di serie numero 1 che ha raggiunto la finale, cedendo per 4-3 alla giapponese Soma.