Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Aliaksandr Khanin Apuania Carrara 2018 2019Hanno ripreso la buona abitudine di pareggiare i loro confronti diretti l'Aon Milano Sport e l'Apuania Carrara. Erano finite sul 3-3 le prime tre gare della scorsa stagione e solo nel ritorno della finale playoff i toscani avevano sfatato il tabù, imponendosi per 4-1. Quest'anno all'andata i milanesi, nel concentramento di Terni, si sono rifatti, prevalendo per 4-2. Oggi nel posticipo domenicale del Centro Sportivo Bonacossa i padroni di casa se la sono vista brutta e sono riusciti a salvare l'imbattibilità stagionale.

Hanno aperto le ostilità Leonardo Mutti e il bielorusso Aliaksandr Khanin (nella foto di Alessandro Marsili) ed è stata girandola di emozioni. Il mantovano è scattato in testa (11-6), è stato raggiunto dall'avversario (9-11) e si è ripreso il vantaggio (11-9). Khanin lo ha nuovamente raggiunto nel quarto set (11-9) e nel quinto ha messo la freccia ed è sfilato via (11-8).

Matteo Mutti ha sempre dovuto inseguire lo sloveno Jan Zibrat, che si è aggiudicato il primo parziale (11-9). L'azzurro ha impattato (11-7) ed è tornato indietro (5-11). Nella quarta frazione Zibrat ha avuto un match-point (10-9) e Mutti glielo ha annullato, sfruttando la prima chance a suo favore (12-10). Alla "bella" Zibrat ha cambiato campo sul 5-4 e ha ottenuto un altro punto, poi è toccato a Mutti passare a condurre e procurarsi due match-point (10-8), non sfruttati. Il terzo gli ha dato il successo (12-10).

Fra Guo Ze a Romualdo Manna, il molisano è partito meglio (11-9) e il cinese gli si è riportato a contatto (11-4), per mettere a segno i due colpi successivi (11-7, 11-5). Zibrat ha ridato vigore alle speranze ospiti, non concedendo set (11-6, 11-6, 12-10) a Leo Mutti. L'Apuania si è ripresa la ribalta, grazie a Khanin, che ha avuto la meglio per 3-1 (11-7, 11-4, 7-11, 11-7) su Guo Ze.

Si è chiuso all'insegna del confronto fra Matteo Mutti e Manna e il pongista ospite è andato in fuga (11-8). La reazione del lombardo non si è fatta attendere (12-10). Il terzo lunghissimo parziale, iniziato con l'avvio lanciato di Manna (5-1) ha riservato set-point a entrambi i contendenti e alla fine ad avere la meglio (17-15) è stato Mutti, che nella quarta frazione ha completato il suo compito (11-8), dando la veste definitiva al risultato.

In classifica il Milano Sport guida con 17 punti, davanti all'Apuania Carrara (15), alla Top Spin (13), all'A4 Verzuolo Tonoli-Scotta (8), al Tennistavolo Lomellino - Cipolla Rossa di Breme e al Cral Comune di Roma (7), al Tennistavolo Norbello - Comuni del Guilcer (4) e alla Marcozzi Cagliari (1).