Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Sportivity 2018Sportivity è la prima fiera dedicata interamente allo Sport. Una kermesse di tre giorni, che si svolgerà l’8-9-10 giugno a Gravina in Puglia (Bari), nel Quartiere Fieristico San Giorgio, in cui i protagonisti saranno i visitatori, che potranno osservare e praticare le varie discipline presenti, ammirandone i campioni chiamati come “testimonial”. Lo scorso anno si raggiunse il considerevole traguardo di circa 30mila presenze paganti, in questa edizione si punta a superarlo. Sportivity proporrà anche eventi e incontri mirati, in cui sportivi, professionisti ed espositori avranno la possibilità di scambiare esperienze, competenze e strategie, condividendole con il pubblico.

Anche quest’anno, dopo il successo della scorsa edizione, la FITeT sarà presente attraverso il Comitato Regionale Puglia, che allestirà un intero padiglione (800 mq) con aree di gioco, che ospiteranno tornei, esibizioni e daranno modo ai visitatori di provare il tennistavolo.

Inoltre, grazie a un accordo fra il Comitato Regionale e la direzione di Sportivity, il padiglione FITeT accoglierà, gratuitamente, alcuni “desk information” a disposizione di Enti di Promozione Turistica e/o Sportiva, Asd e simili, che vogliano promuovere la loro località, attività, iniziative e offerte turistiche e sportive.

«Come ho già detto in altre occasioni - afferma Antonio Tasso, vicepresidente della FITeT Puglia, - “L’unione fa … lo Sport” e lo Sport può dare una concreta spinta a un settore costantemente impegnato nel fornire risposte soddisfacenti alla crescente richiesta di turismo attivo. Il connubio Sport-Turismo è in grado di completare l’offerta turistica di qualsiasi territorio e, conseguentemente, di attirare investimenti, ricchezza e occupazione, non trascurando la riqualificazione di aree territoriali».