Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

2017 09 07 11 40 03Doppio impegno all'Open di Repubblica Ceca per Davide Scazzieri, che, dopo il torneo di singolare di classe 4, si è sottoposto anche a quello a squadre in coppia con l'israeliano David Gabriel.

In un girone unico a cinque team, gli avversari di rango non mancavano. Scazzieri e il suo compagno sono stati sconfitti per 2-0 dai romeni Petru Ifrosa e Ioan Dirlea, dai polacchi Krszysztof Zylka e Tomislav Spalj e dagli slovacchi Peter Mihalik, Andrej Meszarosz e Boris Travnicek, prima di chiudere la loro fatica battendo per 2-0 i sauditi Muhannad Al Farhi e Mohammed Hussain Alharbi, con il punto iniziale del doppio e quello in singolare di Davide.

Purtroppo l'azzurro, alle prime esperienze nella classi "sitting", dopo una carriera ai massimi livelli in piedi, non ha potuto esprimersi al meglio del suo attuale potenziale, non avendo ancora a disposizione una carrozzina adatta. «Ho sempre quella - spiega amareggiato - che mi è stata prestata dall'Istituto di Montecatone, che non è della mia misura, perché l'Asl di Imola, a otto mesi dal mio trauma, non è stata ancora in grado di fornirmene una  adeguata alle mie esigenze di vita normale e sportiva. Spero che lo stallo si sblocchi, dal momento che la situazione sta diventando insostenibile. Il confronto con i mezzi sui cui possono contare i miei avversari è improponibile. La maggior parte ha carrozzine differenti per la vita e per giocare, io invece siedo su una che è insufficiente per l'esistenza di tutti i giorni, figuriamoci per le gare. In campo avrei voluto e potuto fare di più, se solo ne avessi avuto l'opportunità».