Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

2017 05 19 08 19 11Michela Brunelli è tornata in campo ai Campionati Mondiali di Celje dopo la bellissima prestazione di ieri contro la svedese Anna-Carin Ahlquist. Nel match decisivo per la conquista del secondo posto nel girone e per l'accesso al tabellone, ha battuto per 3-1 (11-4, 8-11, 12-10, 11-9) la croata Helena Dretar.

L'azzurra ha disputato un primo set da incorniciare e lo ha vinto senza mai rischiare. L'avversaria nel secondo parziale ha assunto un atteggiamento più intraprendente (2-6), è stata rimontata (5-6) e sul 7-9 ha messo a segno lo spunto decisivo.

La terza frazione è andata avanti a filotti con la croata in testa (0-2), Brunelli brava a ribaltare (4-2) e dal 6-4 costretta a incassare un break di 5-0 (6-9), prima de 3-0 a suo favore che ha siglato il pareggio. La prima ad avere il set-point è stata Dretar e la veronese glielo ha annullato con un rovescio incrociato. Si è procurata a sua volta una chance e non l'ha fallita.

Nel quarto parziale Michela è risalita da 1-3 a 5-3, spingendo bene i suoi colpi, e non si è fermata, ampliando il margine (8-4). La croata ha ridotto il gap (8-6) e il dt Alessandro Arcigli ha chiesto timeout.

Dretar non ha comunque mancato l'aggancio (8-8) e l'azzurra è tornata al comando grazie al servizio. La risposta di diritto della rivale ha rimesso tutto in equilibrio. La veneta ha risposto bene di rovescio e sul match-point un diritto lungo le ha dato il successo.

Nel suo secondo impegno iridato Samuel De Chiara ha affrontato l'ungherese Andras Csonka, numero 8 al mondo in classe 8, e ha perso per 3-0 (8-11, 5-11, 11-13), venendo eliminato. Ha inaugurato il primo set nel migliore dei modi (4-2). Con sei punti di fila il magiaro ha però preso la testa (4-8) e non l'ha più lasciata.

Nel secondo il meranese ha giocato una serie di ottimi punti, trovando però dall'altra parte un autentico muro (1-5). Sul 2-8 ha recuperato tre punti per poi cedere. Il terzo parziale ha visto De Chiara costantemente in vantaggio e sul 9-6 il più sembrava fatto.

Csonka ha invece ricostituito la parità, non aveva però fatto i conti con la voglia di combattere dell'altoatesino, che ha avuto per due volte il set-point per riaprire la sfida. Non è riuscito ad approfittare delle occasioni, mentre all'esperto ungherese è bastata la prima palla utile per mettere in cassaforte il successo.

È uscito dal Mondiale anche Federico Crosara, che in classe 2 è stato battuto per 3-0 (6-11, 5-11, 7-11) dallo spagnolo Iker Sastre. Nel primo parziale gli è stato fatale un passaggio a vuoto che lo ha portato dal 4-4 al 4-10. Il veronese ha annullato solo i primi due set-point. Nella seconda frazione Crosara ha conquistato i primi due punti e ha perso i sette successivi, compromettendo l'esito finale.

Nel terzo set la falsa partenza (1-7) è sembrata spalancare le porte della vittoria all'iberico. Invece l'azzurro si è ripreso ed è tornato in scia (6-7) La panchina spagnola ha chiamato timeout e al rientro Crosara ha tirato di là un pallonetto non riuscito e fuori un diritto e un rovescio (6-10). Con un lob ha neutralizzato il primo match-point, ma nello scambio seguente un rovescio in rete ha promosso Sastre.