Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Consegna collari dOro 2017 campioni mondiali 4Un 2017 mai così ricco di successi per lo sport italiano è stato celebrato questa mattina alla cerimonia di consegna dei Collari d'Oro, che si è svolta nella Casa delle Armi al Foro Italico. Fra i premiati c'erano anche i pongisti Michela Brunelli e Giada Rossi e Andrea Borgato e Federico Falco, ori rispettivamente nelle gare di classe 1-3 e di classe 1 ai Campionati Mondiali a squadre di Bratislava.

Consegna collari dOro 2017 campioni mondiali 3«Mai un anno - ha spiegato il presidente del Coni Giovanni Malagò - è stato così numericamente importante da quando esiste lo sport italiano e mai abbiamo vinto tanti titoli mondiali. Ciò mi rende particolarmente orgoglioso e mi auguro sia di buon auspicio per i prossimi Giochi Invernali di Pyeongchang 2018».

Soddisfatto il presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli: «Il 2017 e' stato l'anno del riconoscimento del Cip come ente pubblico, grazie all'aiuto del governo e del ministro Lotti. Questo significa aver dato dignità a un movimento, averlo fatto uscire dall'angolo, aver acceso i riflettori sui risultati dei nostri atleti. In questo modo abbiamo fatto crescere la cultura del Paese: immaginate quante persone abbiano visto l'impossibile diventare possibile, guardando le gesta dei nostri atleti».

Collare dOroAlla cerimonia era presente anche il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. «Lo sport insegna - ha affermato il premier - che, come diceva Pietro Mennea "La fatica non è mai sprecata: fatichi e sogni". Oggi abbiamo bisogno di sognare ancora, le cose in Italia vanno un po' meglio, ma ci sono ancora ferite da rimarginare. I  vostri  sono risultati che ci fanno essere orgogliosi di essere italiani».