Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Giada Rossi contro BuclawNon ce l'ha fatta la 23enne Giada Rossi a migliorare la medaglia di bronzo conquistata due anni fa a Vejle, in Danimarca. Ai Campionati Europei di Lasko, si è fermata nuovamente in semifinale di classe 1-2, cedendo per 3-2 a Dorota Buclaw.

La polacca si è subito portata in vantaggio (0-2) e Rossi l'ha ripresa (2-2), per poi tornare a inseguire (2-4). Dal 4-6 la Buclaw è salita ai set-point (4-10) e ha chiuso alla seconda opportunità.

Nel secondo set Giada è stata costantemente avanti nella prima fase. Dal 6-2 è stata rimontata (6-5), ma ha saputo rioperare il break (8-5) ed è arrivata ad avere quattro palle per pareggiare (10-6). L'avversaria le ha annullato solo le prime due (11-8).

Nel terzo parziale l'azzurra ha iniziato al servizio e non ha sfruttato il doppio turno (0-2). La Buclaw ha conservato il +2 (3-5) e con quattro punti consecutivi (3-9) ha posto le basi per tornare agevolmente in testa nel computo dei set (5-11).

Quarta frazione all'insegna dell'equilibrio (5-5), poi la giuliana ha assunto il controllo (9-5) e sul set-point(10-6) ha incamerato senza problemi il 2-2.

Ancora una volta la sfida fra le due atlete si è decisa alla "bella" e Giada ha fiutato il traguardo (3-1). La Buclaw non ha mollato e ha recuperato, andando al cambio di campo in vantaggio (3-5).

Il direttore tecnico Alessandro Arcigli ha chiamato timeout e alla ripresa del gioco la sua allieva ha accorciato le distanze (4-5), prima di scivolare a -3 (4-7). La polacca ha insistito e al match-point (5-11) ha sbagliato il servizio.

L'azzurra ha annullato anche la seconda palla della finale alla sua avversaria, ma la sua risalita si è fermata lì (7-11). Terzo gradino più basso del podio individuale consecutivo in una grande manifestazione per Giada, considerando anche il più prestigioso alle Paralimpiadi di Rio.

In classe 9 Amine Kalem ha mancato la semifinale, perdendo per 3-0 (8-11, 11-13, 9-11) contro lo spagnolo Juan Bautista Perez Gonzalez. Ai Giochi era stato l'azzurro a imporsi con lo stesso punteggio, ottenendo il bronzo.