Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Singolare maschile seconda categoria Terni 2017I Campionati Italiani di Terni si sono conclusi con l’assegnazione del titolo del singolare maschile di seconda categoria, che ha premiato Jordy Piccolin (Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre). Il numero 3 del ranking nazionale e testa di serie numero 1 ha dunque concluso nel modo migliore una stagione in grande ascesa. Suo degno avversario in finale è stato Lorenzo Ragni (Apuania Carrara), battuto per 3-1 (14-12, 6-11, 11-7, 11-7).

Sono usciti in semifinale, e sono saliti sul gradino più basso del podio, Nicholas Frigiolini (Tennistavolo Lomellino), superato per 3-1 (8-11, 11-3, 7-11, 11-13) da Piccolin, e Romualdo Manna (Cus Torino), piegato per 3-1 (15-13, 11-7, 9-11, 11-7) da Ragni. Le premiazioni (nella foto di Roberto Settonce) sono state effettuate dal presidente federale Renato Di Napoli.

In finale Ragni ha aperto le ostilità (4-1) e Piccolin gli ha risposto per le rime (4-4). Si è andati avanti punto a punto (8-8). Sul 9-8 Lorenzo, con uno spigolo, è salito al doppio set-point. Jordy ha annullato entrambe le chance e non ha concretizzato due palle a suo favore, chiudendo alla terza (14-12). Nel secondo parziale il modenese ha provato a scappare due volte e il bolzanino lo ha ripreso e sorpassato (6-4). Un break di 6-0 ha consegnato all’atleta dell’Apuania Carrara quattro opportunità per andare 1-1 ed è bastata la prima per raggiungere l’intento (11-7). Piccolin è scattato a cannone nella terza frazione (7-1) e Ragni ha operato una grande rimonta (7-6). Il portacolori della Fiamme Azzurre ha tenuto duro, si è guadagnato tre set-point e ha sfruttato il primo (11-7). Il quarto parziale è ancora cominciato sotto il segno di Piccolin (4-0). Ragni ha cercato di tenere botta, ma sul 7-10 si è dovuto arrendere.

Nei turni precedenti Piccolin aveva sconfitto per 3-0 (11-8, 11-9, 11-7) Federico Bacchelli (Tennistavolo Villa d’Oro Modena), per 3-0 (11-6, 11-7, 11-5) Mattia Garello (A4 Verzuolo), per 3-0 (11-9, 12-10, 13-11) Carlo Rossi (Marcozzi Cagliari) e nei quarti è stato impegnato al limite del quinto set (11-4, 6-11, 11-7, 7-11, 12-10) da un indomito Fatai Adeyemo (Il Circolo Prato 2010), che alla “bella” ha avuto anche un match-point.

Ragni ha eliminato per 3-0 (11-7, 11-1, 11-4) Edoardo Loi (Marcozzi), per 3-0 (11-3, 11-3, 11-9) Dario Loreto (Tennistavolo Reggio Emilia), per 3-1 (11-7, 11-6, 7-11, 11-5) Alessio Zuanigh (TT Acsi Pisa) e per 3-2 (9-11, 7-11, 11-5, 11-4, 12-10) Roberto Negro (TT Club La Spezia).

Tutto da gustare l'incontro del turno inaugurale, che ha costituito il primo derby ufficiale della famiglia Oyebode fra papà Michael (Tennistavolo Anspi Cortemaggiore) e il rampante John Michael (Marcozzi), che il giovane azzurro si è aggiudicato per 3-1 (11-9, 11-7, 11-13, 14-12).

Da segnalare le eliminazioni della testa di serie numero 2 Matteo Mutti (Milano Sport), espulso per proteste nei quarti sul punteggio di 2-1 (10-12, 11-8, 11-9) a favore di Manna. Il numero 3 Damiano Seretti (Tennistavolo Castel Goffredo) ha trovato disco rosso negli ottavi per 3-2 (2-11, 16-14, 11-7, 4-11, 11-9) contro Daniele Sabatino (Milano Sport), poi fermato nei quarti per 3-0 (5-11, 11-13, 6-11) da Frigiolini.  

Ad aggiudicarsi la classifica per società (che tiene conto anche dei risultati degli Assoluti di Riccione) è stato il Tennistavolo Castel Goffredo, davanti al Tennistavolo Torino e al Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre.