Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Podio singolare maschile di quarta categoia 2018Ha passato lo stretto il titolo italiano di singolare di quarta categoria, che ha laureato campione il 30enne Stefano Caprì (Astra Valdina). In finale la testa di serie numero 7 del tabellone ha sconfitto per 3-1 (11-7, 9-11, 11-2, 11-7) il 14enne difensore Luca Bersan (MIlano Sport) , che nella lista di partenza era addirittura il numero 60.

Si sono classificati terzi a pari merito (la foto del podio è di Marta Moratti) il n. 14 Giacomo Cerea (Tennistavolo Como), il dominatore della due giorni dedicata agli Enti di Promozione Sportiva con i colori del Centro Sportivo Italiano, che è stato rimontato da Caprì da 2-0 a 2-3 (12-10, 11-5, 9-11, 5-11, 6-11), e l'inglesino Valerio Bucci (Tennistavolo Torino), solo al numero 89, che aveva già conquistato l'argento in doppio e anche lui ha subìto il recupero di Bersan (12-10, 11-4, 4-11, 5-11, 9-11).

Il capofila del seeding era Matteo Pecchi (Tennistavolo Villa d'Oro Modena), il vincitore del misto, che è uscito nei sedicesimi per 3-1 (11-9, 10-12, 6-11, 8-11) per mano di Steven Lu (CIATT Prato), estromesso nei quarti per 3-1 (9-11, 14-12, 8-11, 5-11) da Bucci.  

Il numero 2 era Alessandro Silveri (TT Cus Camerino), costretto al ritiro nel girone, il 3 Alessandro Amato (TT Albatros Zafferana Etnea), finito fuori nei trentaduesimi per 3-1 (11-3, 7-11, 6-11, 3-11) a opera di Matteo Fruzzetti (Apuania Carrara) e il 4 Federico Vallino Costassa (Tennistavolo Torino), oro nel doppio, andato out nei sedicesimi per 3-0 (8-11, 9-11, 5-11) contro Lorenzo Girone (Pongistica Messina).

Poca gloria anche per il n. 5 Alessio Dell'Erba (Tennistavolo Città del Sassi), che si è arreso nei trentaduesimi per 3-0 (7-11, 5-11, 4-11) a Bersan, e per il n. 6 Simone Grasso (Martiri Ariano Tennistavolo), che nei sedicesimi  è stato eliminato per 3-1 (12-14, 11-5, 9-11, 9-11) da Wladimiro De Stefano (TT L'Isola che non c'era), terzo nel doppio. Insomma un'ecatombe.

Caprì ha prevalso nei sessantaquattresimi per 3-0 (11-8, 11-3, 11-4) su Marco Roncaccioli (TT Villa d'Oro Modena), nei trentaduesimi per 3-1 (7-11, 11-8, 11-5, 13-11) da Massimo Mottola (TT Maccheroni), nei sedicesimi per 3-1 (8-11, 11-9, 11-4, 11-6) su Umberto Forletta (Tennistavolo Eureka), negli ottavi per 3-1 (11-6, 4-11, 11-5, 11-6) su Armando Costanzi (King Pong) e nei quarti per ritiro nel terzo set di Orazio Amarù (Tennistavolo Gela).

Bersan ha avuto la meglio nei sessantaquattresimi per 3-2 (3-11, 11-8, 7-11, 11-6, 11-6) su Enea Coslovich (TT C.F. Amici R. Savoia) nei trentaduesimi sul già citato Dell'Erba, nei sedicesimi per 3-0 (11-9, 11-4, 11-3) su Nicola Giove (Polisportiva Libertas Casalnuovo), negli ottavi per 3-2 (11-7, 11-9, 9-11, 9-11, 11-8) su Alessandro Tini (Tennistavolo San Polo) e nei quarti per 3-2 (8-11, 12-10, 11-7, 5-11, 11-6) su Michele Palladino (Tennistavolo Torre del Greco).