Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Podio singolare assoluto maschile Terni 2018Era uscito molto deluso dalla finale persa nel 2017 per 4-2 contro Mihai Bobocica (Aeronautica Militare). A un anno di distanza Niagol Stoyanov (Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre) non ha fallito l’appuntamento con il suo secondo titolo italiano assoluto. In una finale mai scontata, ha battuto per 4-3 (11-6, 3-11, 10-12, 11-5, 11-4, 9-11, 11-8) Leonardo Mutti (Aeronautica Militare), nella sfida che ha concluso i Campionati Italiani di Terni.

Si è partiti all’insegna dell’equilibrio, rotto da Stoyanov, che è passato a condurre e si è procurato quattro set-point (10-6), finalizzando il primo. Nel secondo parziale Mutti ha creato subito un divario ampio e lo ha conservato, chiudendo per 11-3. Combattuta la terza frazione, con i due contendenti appaiati a quota 8. Il mantovano è salito a due set-point, se li è visti annullare e al terzo è andato a segno (12-10).

In apertura di quarto parziale, è parso riuscire a incrementare il margine (4-1) e Stoyanov ha trovato una reazione di carattere e con un break di 5-0 ha ribaltato la situazione (6-4).Un taglio in difesa di Mutti ha accorciato le distanze e un errore di rovescio ha riconsegnato il +2 all’avversario, che, con due top di diritto, ha firmato il 9-5 e, grazie a un errore in risposta del lombardo, ha avuto quattro opportunità per pareggiare le sorti della gara, sfruttando la prima (11-5).

Il portacolori della Fiamme Azzurre ha dominato l’ingresso nel quinto set (7-1) e con un agevole 11-4 ha siglato il 3-2. Mutti al ritorno in campo ha lottato e di misura (11-9) ha rinviato il verdetto alla “bella”. Nel set decisivo ha condotto Stoyanov (4-2) e l’alfiere dell’Aeronautica ha cercato di non farsi distanziare (7-5). Ha subito però due punti e li ha recuperati. Sul 9-8 Stoyanov non ha più sbagliato e ha messo le mani sul secondo tricolore, dopo quello del 2014, portato a casa ancora per 4-3, rimontando però da 0-3, su Paolo Bisi (Cral Comune di Roma).

Mutti è rimasto fermo al successo del 2015, anche lui su Bisi per 4-1, e il prossimo anno ci riproverà. Medaglie di bronzo per Bobocica e Matteo Mutti (Milano Sport).