Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Marco Rech Daldosso 2È calato il sipario sull'Europeo dell'Italia maschile, guidata dal direttore tecnico Patrizio Deniso, che ha concluso la rassegna in corso in Lussemburgo con la sconfitta per 3-1 a opera della Repubblica Ceca.

Nel primo singolare Leonardo Mutti è scattato avanti (6-4) ed è stato rimontato (8-9) e battuto da Tomas Tregler (9-11). Stessa situazione nel secondo set, con il lombardo che è andato in vantaggio (7-3), e questa volta è riuscito a mantenere il margine (11-7).

Nel terzo l'avvio di Tregler è stato bruciante (0-4)  e il prosieguo anche (1-9), ideali premesse per un comodo successo (1-11). Il ceco ha poi continuato a premere sull'acceleratore (3-5) e ha retto al tentativo di recupero di Mutti (6-11).

Mihai Bobocica, opposto al 19enne Tomas Polansky, dopo un iniziale equilibrio (6-6), l'ha spuntata nel primo set (11-8). Anche l'attacco del secondo gli è stato favorevole (5-2) e il margine conservato (8-5) pareva non riservargli sorprese.

Il giovane avversario lo ha invece costretto ai vantaggi (10-10) e Bobo ha evitato la trappola per un soffio (12-10). Il terzo parziale è stato equilibrato (6-6), poi l'azzurro ha sentito profumo di successo (9-8) e lo ha assaporato fino in fondo (11-8).

Marco Rech Daldosso in apertura della terza sfida ha prevalso facilmente (11-5) su Jakub Kleprlik e si è confermato in una seconda frazione più lottata (11-8). Nella terza il ceco ha rialzato la testa ai vantaggi (10-12) e sullo slancio ha fatto sua anche la quarta (8-11) e per distacco la quinta (4-11).

Grande lotta nei primi due set fra i numeri 1 Bobocica e Tregler, che se li sono spartiti con l'identico punteggio di 13-11. Nel terzo, invece, la superiorità di Tregler è stata più netta (6-11). Il quarto ha sancito la vittoria della Repubblica Ceca (9-11), che ha così conquistato il quinto posto nella Challenge Division e il 21° in totale, lasciando il 22° agli azzurri.