Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Italia femminile contro la SloveniaMai dare per spacciata questa Italia femminile, che ai Campionati Europei a squadre di Lussemburgo ci ha abituati a gettare il cuore oltre l'ostacolo. Le ragazze di Maurizio Gatti sono partite ad handicap, a causa di due singolari che avrebbero potuto vincere e hanno perso in rimonta.

Sono state bravissime a "resettare" e a ripartire per una mission impossible che è quasi diventata possibile ed è sfumata quando sembrava a portata di mano. Ha vinto la Slovenia, compagna di stage un mese fa ad Angolo Terme, per 3-2 e dunque sarà lei domani ad affrontare la Svizzera nel duello di finale della Challenge Division, che assegnerà il 17° e il 18° posto. Per le azzurre ci sarà l'Azerbaijan alle 16, con in palio la 19ª e la 20ª piazza.

Nel primo match Debora Vivarelli ha letteralmente travolto Manca Fajmut nel primo (11-4) e nel terzo set (11-2), non riuscendo però a chiudere i conti nel secondo (7-11) e nel quarto (8-11). Nel quinto l'avversaria ha preso subito un vantaggio ampio (0-5) e lo ha mantenuto fino al termine (6-11).

Giorgia Piccolin è partita di slancio contro Alex Galic (11-5) e ha poi subìto il ritorno della numero 146 al mondo (6-11). Nel terzo parziale ha ripreso largamente il sopravvento (11-4) e nel quarto ancora la slovena è rientrata in partita (8-11). Anche in questo caso è stata decisiva la "bella" e a imporsi è stata la Galic (7-11). Impressionante come il secondo singolare abbia ripercorso l'andamento e il  punteggio del primo.

Chiara Colantoni e Ana Tofant hanno anticipato quello che potrà essere un incrocio di serie A1, con le maglie di Castel Goffredo e Cortemaggiore, e la romana ha fatto pesare la sua esperienza (11-6, 11-6, 11-9). Fra le numero 1, Vivarelli  ha saputo arginare la fuga (7-11) di Galic e ha ribaltato la situazione (11-7, 11-8), annullando poi un match-point nel quarto e impadronendosi dell'intera posta (13-11).

Aggancio effettuato, dunque, e, come contro la Lituania, testimone nelle mani di Piccolin, per l'ultimo sprint verso il traguardo. Giorgia è volata sul 7-3, prima di essere costretta dalla Fajmut ai vantaggi e d'imporsi per 12-10. Il secondo parziale non ha avuto storia (11-4) e nel terzo la bolzanina ha quasi completato la risalita da 2-6 e 6-9 a 9-11. La Fajmut ha tenuto duro (1-3) e Piccolin ancora di più (5-5). Sull'8-8 la slovena ha però messo la freccia (8-11).

Soluzione alla "bella", con lo spunto della Fajmut a creare il gap (2-7). Da elogiare l'azzurra per l'estremo tentativo di ricucirlo (6-9), prima della conclusione (8-11). Una sconfitta che non intacca la grande prestazione di un'Italia indomabile, arrivata a un passo dal colpaccio.

La squadra maschile era impegnata nella semifinale dal 21° al 24° posto e ha prevalso sull'Olanda per 3-1. Leonardo Mutti ha superato per 3-0 (11-6, 11-5, 11-4) Laurens Tromer e Mihai Bobocica ha concesso gli stessi punti (11-3, 11-7, 11-5) a Ewout Oostwouder.

Marco Rech Daldosso ha lasciato il primo set (10-12) a Rajko Gommers, poi ha iniziato a macinare gioco (11-3). Nel terzo set si è fatto rimontare da 10-6 a 10-9 e ha mandato a bersaglio l'ultimo scambio. La sfida pareva definitivamente girata e invece Gommers è tornato prepotentemente alla ribalta (4-11) e ha avuto la meglio anche nella quinta frazione (9-11).

Il successo è stato solo rinviato di poco, perché Bobocica contro Tromer si è preso agevolmente i primi due set (11-2, 11-7), ha frenato nel terzo, dopo essere arrivato al match-point (11-13), e nel quarto ha posto fine alla contesa (11-7).

Domani alle 13 il testa a testa con la Repubblica Ceca, che ha superato per 3-0 la Lituania, varrà per la 21ª e la 22 ª posizione.