Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Carlo Rossi allOpen di Svezia giovanile 2017

Nei tre match precedenti non aveva perso neppure un set e, dopo lo svizzero Dorian Girod e l'iraniano Radin Khayyam, anche l'ostico tedesco Meng Fanbo aveva dovuto alzare bandiera bianca (11-6, 11-9, 11-8, 11-8).

Il quarto di finale del singolare juniores dell'Open giovanile di Croazia ha opposto Carlo Rossi allo statunitense Kanak Jha, testa di serie numero 1, e il sardo ha conquistato il tredicesimo parziale consecutivo, andando a condurre per 11-8.

Il pongista a stelle e strisce, salito l'anno scorso agli onori della cronaca per aver rappresentato il suo Paese alle Olimpiadi di Rio, è però rientrato prontamente in partita e questa volta a fare filotto è stato lui (11-8, 11-7, 11-9, 14-12), con Rossi che ha provato con convinzione a riaprire le sorti del match soprattutto nell'ultima frazione.

Prima di lui è stato eliminato Matteo Mutti, terzo atleta del seeding, che negli ottavi non è riuscito a risolvere l'enigma propostogli dallo slovacco Stefan Peko ed è stato sconfitto nettamente (7-11, 4-11, 9-11, 6-11).

Nei quarti del doppio Mutti e Rossi sono stati superati per 3-0 (3-11, 7-11, 7-11) dagli hongkonghesi Cheng Pak Hei e Maurice Kai Ning Chong e Cappuccio e Cicchitti hanno ceduto per 3-0 (6-11, 8-11, 4-11) al portoghese Vitor Amorim e al francese Jules Cavaille.

Domani l'intera giornata sarà riservata alle gare a squadre di entrambe le categorie juniores e cadetti.